Per ripulire l’immagine della compagnia dopo i disastri aerei di marzo e luglio, costati la vita a ben 537 persone, la Malaysia Airlines ha pensato di indire sul proprio sito un concorso denominato “My ultimate bucket list“, ovvero “la lista delle cose che voglio fare prima di morire“. L’idea, che aveva l’intento di sdrammatizzare l’accaduto e attirare nuovi clienti, ha sortito l’effetto contrario, ricevendo numerosi attacchi da parte di clienti indignati per la scelta comunicativa della compagnia aerea. Il concorso, rivolto ai residenti in Australia e Nuova Zelanda, è stato prontamente ritirato dal sito.

La “trovata” cercava di risollevare l’immagine della compagnia malese che nel 2014 è rimasta coinvolta in ben 2 incidenti in volo. Il concorso chiedeva ai passeggeri di compilare una lista con le cose da fare prima di morire. Le 16 idee più originali si sarebbero aggiudicate in premio un iPad o due biglietti andata e ritorno per la Malesia. La trovata non ha riscosso il successo sperato e, invece di ricevere adesioni da parte dei viaggiatori, è stata sommersa da critiche a causa dello sconcerto ancora vivo per i disastri avvenuti negli ultimi 7 mesi. In marzo, infatti, un aereo della compagnia diretto a Kuala Lumpur è scomparso dai radar e ancora oggi si stanno cercando i resti. Quattro mesi dopo, in luglio, un altro velivolo, il volo MH17, è stato abbattuto nei cieli dell’Ucraina da un missile sparato, probabilmente, dai combattenti filorussi. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sotloff, “nei video Isis non parla a Obama ma ai potenziali jihadisti occidentali”

prev
Articolo Successivo

Ucraina, la Nato: “Con questa Russia serve subito una strategia per Europa sicura”

next