Forse questo video non spopolerà in rete, e il #caffèNeroBollente del giovane malato di sla Marco Gentili non innescherà una catena di imitatori:

Eppure i due minuti di voce metallica sono sufficienti a illuminare la peculiarità italiana della lotta alla Sla e a richiamare il premier Renzi a responsabilità più serie e gravi del “bel gesto” del secchio d’acqua gelata.

L’Italia governata da Renzi è il Paese dove la ricerca sugli embrioni è vietata. Ed è il Paese dove l’elenco delle strumentazioni rimborsabili dalle Asl è fermo da 25 anni, impedendo ai malati di Sla ed altre patologie di accedere ai moderni ausili tecnologici per parlare e per vivere.

Marco beve un caffè e invita chi vuole aiutare a cambiare le cose a partecipare al Congresso dell’associazione Luca Coscioni, dal 19 al 21 settembre. Prenderlo sul serio costa e vale più di una secchiata. E aiuta a capire che il cittadino Matteo se la può cavare con un secchio. Il Presidente del Consiglio no.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adozioni gay: ci vuole una legge non solo le sentenze dei tribunali

next
Articolo Successivo

Gaza, Moni Ovadia: “Io, ebreo, sostengo i diritti palestinesi. Ecco perché”

next