Colpi di artiglieria nella notte hanno ucciso tre persone nel centro di Donestk, la roccaforte dei ribelli filorussi nell’Est dell’Ucraina circondata ora dalle truppe governative che stanno cercando di riprenderne il controllo. E il conflitto non ha risparmiato il calcio: due esplosioni hanno danneggiato pesantemente la Donbass Arena di Donetsk, lo stadio dei campioni in carica dello Shakhtar di Mircea Lucescu. L’impianto colpito, dopo i lavori di ammodernamento in occasione degli Europei di calcio del 2012, è giudicato uno dei più funzionali d’Europa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ucraina, Kiev: “Blindati russi violano il confine”. Poroshenko scioglie il parlamento

prev
Articolo Successivo

Iraq, “armare i curdi non basta, miliziani Isis più motivati dell’esercito iracheno”

next