Il classico “lei non sa chi sono io” non ha salvato dalla contravvenzione l’assessore all’Istruzione del Comune di Brescia, Roberta Morelli. Il politico di centrosinistra – riporta Libero – è stato pizzicato dai vigili urbani mentre parlava al cellulare durante la guida. E oltre alla multa, Morelli è stata denunciata per diffamazione e oltraggio a pubblico ufficiale.

Lo scorso 19 marzo i vigili hanno fermato Morelli in auto, l’hanno riconosciuta ma hanno ugualmente compilato il verbale. “Ma sta scherzando, spero. Non sa chi sono? Maleducato”. Questa la reazione dell’assessore. Che si è poi giustificata: “Ero di fretta, avevo un appuntamento in Loggia, la mia era un’espressione di stupore per la richiesta dei documenti e non voleva essere un atteggiamento autoritario. Tanto che non ho mai chiesto che mi fosse cancellata la multa, che ho pagato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angelino Alfano: “Vu cumprà? Non è un’espressione razzista. C’è tanta ipocrisia”

next
Articolo Successivo

Montecitorio-bocciofila, da Pomicino a Selva: gli “ex”, nostalgici, non se ne vanno

next