Il classico “lei non sa chi sono io” non ha salvato dalla contravvenzione l’assessore all’Istruzione del Comune di Brescia, Roberta Morelli. Il politico di centrosinistra – riporta Libero – è stato pizzicato dai vigili urbani mentre parlava al cellulare durante la guida. E oltre alla multa, Morelli è stata denunciata per diffamazione e oltraggio a pubblico ufficiale.

Lo scorso 19 marzo i vigili hanno fermato Morelli in auto, l’hanno riconosciuta ma hanno ugualmente compilato il verbale. “Ma sta scherzando, spero. Non sa chi sono? Maleducato”. Questa la reazione dell’assessore. Che si è poi giustificata: “Ero di fretta, avevo un appuntamento in Loggia, la mia era un’espressione di stupore per la richiesta dei documenti e non voleva essere un atteggiamento autoritario. Tanto che non ho mai chiesto che mi fosse cancellata la multa, che ho pagato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angelino Alfano: “Vu cumprà? Non è un’espressione razzista. C’è tanta ipocrisia”

next
Articolo Successivo

Montecitorio-bocciofila, da Pomicino a Selva: gli “ex”, nostalgici, non se ne vanno

next