Il classico “lei non sa chi sono io” non ha salvato dalla contravvenzione l’assessore all’Istruzione del Comune di Brescia, Roberta Morelli. Il politico di centrosinistra – riporta Libero – è stato pizzicato dai vigili urbani mentre parlava al cellulare durante la guida. E oltre alla multa, Morelli è stata denunciata per diffamazione e oltraggio a pubblico ufficiale.

Lo scorso 19 marzo i vigili hanno fermato Morelli in auto, l’hanno riconosciuta ma hanno ugualmente compilato il verbale. “Ma sta scherzando, spero. Non sa chi sono? Maleducato”. Questa la reazione dell’assessore. Che si è poi giustificata: “Ero di fretta, avevo un appuntamento in Loggia, la mia era un’espressione di stupore per la richiesta dei documenti e non voleva essere un atteggiamento autoritario. Tanto che non ho mai chiesto che mi fosse cancellata la multa, che ho pagato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Angelino Alfano: “Vu cumprà? Non è un’espressione razzista. C’è tanta ipocrisia”

next
Articolo Successivo

Montecitorio-bocciofila, da Pomicino a Selva: gli “ex”, nostalgici, non se ne vanno

next