Probabilmente molti di voi conoscono già Roars, sito dedicato all’università italiana e soprattutto ai suoi problemi. Ci scrive spesso il “vicino di blog” Francesco Sylos Labini con le sue analisi accurate e molto sincere. Roars pubblica articoli frequenti e lunghi per cui non è facile seguire tutto ciò che vi compare perciò vorrei attirare la vostra attenzione su un piccolo sottoinsieme che mi ha particolarmente colpito. 

Un contributo appena apparso è una testimonianza diretta, da un’area lontana dalla mia, di un fenomeno che conosco bene: la qualità dei nostri ricercatori e la loro diaspora. A proposito della qualità della ricerca italiana, ecco un articolo piuttosto tecnico con note confortanti e non. Le note confortanti sono due rapporti: (numero di articoli)/(numero di ricercatori) e (numero di citazioni)/(numero di ricercatori); confermano che i ricercatori italiani sono fra i più produttivi al mondo. A deprimermi ci pensano i numeri assoluti, partendo dal numero di ricercatori confrontato col resto del mondo. 

Questo pezzo, invece, solleva il problema della interdisciplinarità sbandierata sui mezzi di comunicazione e repressa nei concorsi (tema che mi è molto caro e che mi ha fatto entrare qui col mio primo post). È purtroppo vero che in ambito interdisciplinare si riescono più facilmente a far passare delle boiate, dato che è più difficile per i “referee” controllare la correttezza tecnica delle ricerche presentate. Questo non giustifica i singoli settori scientifico-disciplinari a chiudersi in se stessi, o almeno, se questa è la politica che si è (anacronisticamente) determinati a perseguire, almeno si abbia la coerenza di dichiararlo apertamente! 

Soprattutto vi consiglio questo meraviglioso articolo di Carlo Rovelli che vorrei tanto aver scritto io! Sostiene con eleganza un principio a cui credo fermamente: un buon ricercatore basa il suo lavoro su una cultura a tutto tondo; minando questa, si condanna la ricerca alla rovina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Medico in Guinea per Ebola. “A Parigi mi sono licenziata. Volevo tornare sul campo”

prev
Articolo Successivo

“Arabia Saudita, vita in un compound nel deserto lontani dallo Stato laico”

next