Diciamolo subito: Anarchia, La notte del giudizio non è un film «politico», è un film di sangue e sparatorie all’impazzata. Nel 2022, per una notte, le autorità permettono che si combatta per le strade, che la gente possa uccidere altra gente, insomma che regni il caos o come intendono regista, James Demonaco, e produttore, Universal pictures international, che regni l’anarchia. E qui, sottolineo subito, non c’è alcun riferimento a quella corrente politica e sociale conosciuta come anarchismo e anarchia.

Il film, insomma, è un susseguirsi di scontri a fuoco fra cattivi e cattivissimi. Nessuno è dalla parte dei cosiddetti buoni. Salvo un gruppetto, anche questo armato fino ai denti, che incontra un supereroe nelle vesti del «buono senza paura». Questo gruppetto dopo varie peripezie verrà intrappolato da un piccolo esercito privato alle dipendenze di alcuni super-ricchi che si godranno lo spettacolo (al riparo di potenti e infrangibili lastre vetrate) degli scontri fra «i nostri eroi» e la milizia al soldo dei padroni di casa. Ma il leader dei malcapitati è armato di un superfucile che rompe la vetrata dietro cui i super-ricchi si godevano lo spettacolo. Altri feriti, altri morti, altro sangue che scorre a fiumi. Fino al finale in cui il leader del gruppetto arriva, ferito, in una casa dove è rifugiato il suo figlioletto. Finale da lacrimuccia. Come avete ben capito, un film da non vedere… salvo essere amanti delle sparatorie senza senso. A questo punto… divertitevi.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Venezia 2014, per battere Cannes si guarda agli Usa

next
Articolo Successivo

Romeo e Giulietta con Orlando Bloom, una storia d’amore e di coltello

next