Sono scattati gli arresti domiciliari per l’ex europarlamentare di Forza Italia Amalia Sartori. Il provvedimento le è stato notificato questa mattina nella sua casa di Vicenza. La donna è accusata di finanziamento illecito ai partiti nella vicenda Mose a Venezia

La Sartori non era ancora finita ai domiciliari, come richiesto il 4 giugno scorso dalla Procura di Venezia, perché all’epoca dell’emissione dei provvedimenti era ancora parlamentare europea tra le fila di Forza Italia e godeva dunque dell’immunità. Con l’elezione del nuovo Parlamento europeo, tuttavia, la donna è decaduta dalla sua carica. 

La misura cautelare era prevista nell’ordinanza che ha portato in carcere, il 4 giugno, politici, funzionari pubblici e imprenditori coinvolti nello scandalo Mose. In totale le persone arrestate sono state 35, tra loro anche l’ex sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Azienda sanitaria Cosenza, “commistione interessi pubblici e privati”. Ma il dg resta

prev
Articolo Successivo

Carcere di Rebibbia: i maturandi e le opportunità non uguali per tutti

next