Web tax? La chiamino come vogliono, basta che la mettano. Anche gli ‘over the top‘, i big di Internet devono pagare le tasse dove fanno utili e fatturato, così come fanno gli editori”. Così Fedele Confalonieri, presidente Mediaset, intervenendo sul tema della web tax al convegno “Economia digitale e industria culturale” che si è svolto alla Camera, organizzato dal presidente della commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia. “Se il fatturato lo fai con la pubblicità – ha spiegato Confalonieri – non capisco perchè devi avere trattamento diverso solo perchè ti definisci un’organizzazione tecnologica“. Il presidente di Mediaset ha poi commentato l’inizio del semestre italiano di presidenza dell’Ue: “Mi aspetto che il Paese reagisca e che affronti la questione. E, se si muove la commissione, qualcosa accadrà. Ma mi aspetto di più dal premier Matteo Renzi: ha detto di aver portato a casa la flessibilità, speriamo che porti a casa anche qualcos’altro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5S a ‘Il Secolo XIX’: l’effetto della strategia mediatica sugli attivisti

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014: quando ad essere deriso è un bambino

next