La Francia batte 2-0 la Nigeria a Brasilia e si qualifica ai quarti di finale di Brasile 2014: a regalare la qualificazione alla squadra di Deschamps sono un colpo di testa di Pogba al 79′ e un’autorete di Yobo al 92′. Ai quarti i Bleus affronteranno la Germania che ha faticato ma alla fine l’ha spuntata ai supplementari contro l’Algeria. La Nigeria esce dal Mondiale, ma lo fa a testa alta: la squadra di Keshi, nonostante la sconfitta, ha messo in difficoltà i galletti per buona parte del match.

LE PAGELLE

Pogba 7 E’ l’uomo del match. Grazie al suo gol regala la qualificazione alla Francia. Appare in netta ripresa rispetto alle scorse partite, conclude a rete nel primo tempo e trova la grande risposta di Enyeama. Combina spesso con Debuchy lungo tutto l’arco del match e alla fine trova il primo gol in una competizione mondiale.

Ambrose 6,5 Ottima prova del terzino del Celtic che sfrutta la presenza di Benzema dalle sue parti nel primo tempo riuscendo ad arrivare al cross tantissime volte. Dopo il grande forcing iniziale del secondo tempo, anche lui come la sua squadra si abbassa e alla fine è costretto a capitolare.

Giroud 4,5 Malissimo l’attaccante dell’Arsenal che non ne azzecca una. Nel primo tempo gioca come punta centrale e appare lento e goffo. Nella ripresa viene spostato a sinistra ma non combina granché e alla fine viene sostituito da Griezmann. Impalpabile.

Enyeama 6 Il voto è a cavallo tra il 7 che avrebbe meritato per le grandi parate su Pogba e Benzema e il 5 per l’uscita disastrosa che causa il gol del vantaggio della Francia. Non può nulla invece sull’autogol di Yobo che beffa definitivamente i suoi.

Debuchy 6,5 Spinge tantissimo sull’out di destra creando numerosi grattacapi grazie alle sue incursioni. Arriva a concludere anche diverse volte in porta, ma pur non essendo preciso è comunque il migliore dei suoi in tutto il primo tempo. Si dedica alla fase difensiva nei secondi 45 minuti, badando ad aiutare i compagni di reparto.

IL TABELLINO

FRANCIA-NIGERIA 2-0
MARCATORI: 79′ Pogba (F); 92′ aut. Yobo (N).
FRANCIA (4-3-3): Lloris 6; Debuchy 6,5, Evra 6, Koscielny 6,5, Varane 6,5; Cabaye 6,5, Matuidi 5,5, Pogba 7; Valbuena 6,5 (90′ Sissoko sv), Benzema 5,5, Giroud 4,5 (62′ Griezmann 7). A disp.:  Landreau, Ruffier, Digne, Mangala, Sagna, Sakho, Cabella, Mavuba, Schneiderlin, Remy. All.: Deschamps 7.
NIGERIA (4-2-3-1): Enyeama 6; Ambrose 6,5, Omeruo 6, Oshaniwa 6, Yobo 5,5; Mikel 5,5, Moses 6 (88′ Nwofor sv); Onazi 6,5 (57′ Gabriel 5), Emenike 6, Musa 5,5; Odemwingie 6,5. A disp.:  Agbim, Ejide, Egwuekwe, Oboabona, Odunlami, Azeez, Uchebo, Uzoenyi, Ameobi. All.: Keshi 6.
ARBITRO: Mark Geiger 7.
NOTE: Ammonito: Matuidi (F). Angoli: 12-9. Rec.:  pt 2′, st 5′.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Suarez a sei giorni dal morso si pente: “Chiedo scusa a Chiellini e al calcio”

prev
Articolo Successivo

Ottavi finale mondiali 2014: la Germania fatica ma piega l’Algeria e vola ai quarti

next