Servizio d’ordine imponente e città francesi blindate. E non per la partita della nazionale francese contro la Nigeria, bensì per l’altro ottavo di finale odierno, quello che vedrà opposte la Germania all’Algeria. Dopo i disordini scoppiati la scorsa settimana in molte città durante i festeggiamenti per la storica qualificazione delle ‘volpi del deserto’ agli ottavi di finale dei Mondiali, infatti, la polizia transalpina rafforzerà le misure di sicurezza nelle zone urbane a maggior presenza di algerini.

A Parigi, scrivono i giornali francesi, poliziotti in tenuta anti sommossa presidieranno i quartieri di Barbe’s e Belleville, a nordest ed est della città, come in occasione delle grandi manifestazioni di piazza. Stesse misure a Lione, dove 500 tra poliziotti e militari pattuglieranno le zone a maggior rischio. Uno schieramento di dimensioni che, nelle parole del direttore della pubblica sicurezza Albert Doutre, “non erano più state disposte dopo i disordini del 2010”.

A Marsiglia, il sindaco Jean Paul Gaudin ha scritto al prefetto chiedendo “tutte le disposizioni necessarie” per evitare che si ripetano i disordini della scorsa settimana, che, a suo dire, hanno creato “danni e un profondo trauma nei marsigliesi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014 – Uruguay, Mujica: “La Fifa? Figli di puttana”

prev
Articolo Successivo

Italia, Barbara Berlusconi dice la sua dopo l’eliminazione: “In Figc spazio ai giovani”

next