Una ‘isola magica’ che appare e scompare in uno dei mari di Titano, la più grande delle lune di Saturno: il fenomeno sarebbe dovuto all’attività geologica, cambiamenti stagionali oppure onde e maree. A scoprirla è stata la sonda Cassini le cui immagini sono state analizzate da un gruppo di ricerca dell’Università Cornell e descritte su Nature Geoscience.

“Questa scoperta – ha spiegato Jason Hofgartner, uno dei responsabili dello studio – dimostra che i liquidi che compongono i mari e i laghi nell’emisfero nord di Titano non sono semplicemente stagnanti e immutabili ma in evoluzione. Non sappiamo esattamente cosa ha causato la comparsa di questa ‘isola magica’ e ora stiamo cercando di capirlo”.

Titano è la più grande delle 62 lune di Saturno ed è un piccolo ‘mondo’, grande all’incirca come il pianeta Mercurio. Sotto la spessa atmosfera costituita principalmente da azoto, la sonda Cassini e il ‘nipote’ Huygens hanno scoperto già da anni l’esistenza di un paesaggio simile a quello della Terra con dune, fiumi, laghi e mari. A plasmarlo però non è l’acqua bensì il metano e altri idrocarburi che esistono in grandi quantità sia in forma liquida che gassosa.

Analizzando alcune immagini inviate il 10 luglio 2013 e confrontandole con quelle più vecchie i ricercatori hanno ora scoperto con sorpresa la comparsa di una nuova ‘isola’ apparsa nel mare Ligeia. Le cause della comparsa della ‘isola magica’potrebbero essere molte: un abbaglio radar causato da onde, la risalita di gas dal fondo del mare e quindi una grande ‘bolla’, una sorta di ‘iceberg‘ temporaneo oppure il deposito di materiale trasportato dalle correnti. Si tratterebbe in ogni caso di un fenomeno temporaneo destinato quindi a scomparire ma che rivela come questa interessante luna di Saturno sia ‘viva’ e ancora in trasformazione.

L’articolo su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Energie rinnovabili, la cella fotovoltaica del futuro grazie alla fisica quantistica

prev
Articolo Successivo

Scienza, identificare le ‘Designer Drug’: una ricerca italiana

next