Ora la Croazia può festeggiare. E giocarsi il tutto per tutto nell’ultima sfida del girone contro il Messico Il ko con il Brasile è già dimenticato. La Croazia travolge 4-0 il Camerun nella seconda giornata del girone A e conquista i primi tre punti del suo Mondiale. Le reti di Olic, Perisic e Mandzukic (doppietta) decidono la sfida giocata all’Arena Amazonia di Manaus, condizionata dall’espulsione di Song al 40′ per una folle manata a Mandzukic: africani già eliminati, la Croazia si giocherà il passaggio agli ottavi nell’ultima gara contro il Messico.

LE PAGELLE

Perisic 8 I primi due gol sono tutti suoi: prima mette in porta Olic, poi decide di fare tutto da solo e chiude la sfida. Un talento che qualche anno fa molte italiane avrebbero potuto considerare, ormai è troppo tardi

Mandzukic 7,5 Con lui la Croazia è un’altra cosa, e lo dimostra nonostante un primo tempo piuttosto asfittico. Fallisce un’occasione clamorosa, ma gli spazi che concede il Camerun sono enormi e lui ci va a nozze: doppietta e tanto peso offensivo

Kovacic 6,5 Entra quando la gara è ormai in cassaforte e fa in tempo a mettersi in mostra con un paio di giocate. Il quarto gol nasce da un suo spunto, ma questi numeri dovrebbe iniziare a farli quando conta

Song 4 Conferma la sua annata disastrosa facendosi cacciare sull’1-0 per una manata su Mandzukic: segno evidente del suo nervosismo. Il problema è che rovina anche la partita del Camerun, e questo in patria non gli verrà perdonato

Mbia 6 Piccola nota lieta nella nerissima serata del Camerun. Recupera dei buoni palloni e va al tiro con discreta frequenza. Manca la precisione, ma quantomeno ci prova

IL TABELLINO

CAMERUN-CROAZIA 0-4
MARCATORI: 11′ Olic (C); 48′ Perisic (C), 61′ Mandzukic (C), 73′ Mandzukic (C).
CAMERUN (4-5-1): Itandje 5; Assou-Ekotto 5,5, Chedjou 5 (46′ Nounkeu 5), N’koulou 5, Enoh 6; Matip 4,5, Mbia 6, Song 4, Aboubakar 5,5 (70′ Webo 6), Choupo-Moting 5 (75′ Sally 6); Moukandjo 5,5. A disp.:  Feudjou, N’djock, Bedimo, Djeugoue, Nyom, Makoun, N’guemo, Eto’o, Olinga. All.: Finke 5.
CROAZIA (4-2-3-1): Pletikosa 6; Corluka 6,5, Lovren 6,5, Pranjic 6, Srna 6,5; Modric 6,5, Perisic 8 (78′ Rebic 6); Rakitic 6,5, Sammir 5,5 (72′ Kovacic 6,5), Mandzukic 7,5; Olic 6,5 (69′ Eduardo 6). A disp.:  Subasic, Zelenika, Schildenfeld, Vida, Vrsaljko, Badelj, Brozovic, Vukojevic, Jelavic. All.: Kovac 7.
ARBITRO: Pedro Proenca.
NOTE: Espulso: Song (C) al 40′.
Angoli: 3-6. Rec.:  pt 2′, st 2′.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Del Bosque non cerca scuse: “L’eliminazione è giusta”

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014: Spagna addio Mondiale. Marca titola: “La fine di un’era”

next