Finora è stato uno dei gol più belli del Mondiale. Una palla che arriva da sinistra, la necessità di non perdere tempo e di cogliere il portiere lontano dalla linea di porta. Venerdì scorso Robin Van Persie con un colpo di testa è riuscito a riportare in parità il match tra Spagna e Olanda e a sorprendere Iker Casillas poco fuori dai pali.

Ma l’attaccante olandese ha fatto altro. Oltre al gol, è stato apprezzato anche il suo atterraggio, un vero e proprio aereo che non guarda la pista, ma il pallone che pian piano entra in porta. Difficile da imitare, sembrerebbe. E invece no, nel salotto di casa siamo tutti bravi a ripetere il gesto di Van Persie. Ci è riuscito addirittura un 93enne, ma non un vecchietto qualsiasi, un ex ginnasta di nome Win Ras, nonché nonno dell’attaccante del Manchester United.

Con l’hashtag #Persieing utilizzato da milioni di persone ha deciso di partecipare alla difficile e particolare competizione, commentando il gol del nipote: “Non è una cosa che sanno fare tutti, ci vuole una coordinazione da ginnasta. Tutto è avvenuto in una frazione di secondo”. E steso sul tappeto di casa, si è fatto fotografare con le braccia allargate.

Tanti utenti di Twitter e Instagram avevano apprezzato il gesto atletico di Van Persie, riuscendo a trovare una somiglianza con la famosa scena di Aldo, Giovanni e Giacomo in “Tre uomini e una gamba”. Ora che anche il 93enne nonno di Van Persie ha fatto vedere le sue qualità negli atterraggi, la partita è riaperta e l’hashtag #Persieing è pronto per essere ancora utilizzato.

Twitter: @carlovalentino2
Gallery a cura di @vincentrusso01

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014, è Fabio Capello il paperone dei ct. Terzo in classifica Cesare Prandelli

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014: chi è il calciatore azzurro più social? La classifica di Oboscore

next