Sono iniziati i mondiali di calcio da pochissimi giorni e già sono note le caratteristiche tecniche, le attitudini offensive e difensive dei 23 convocati da mister Prandelli: ma chi è l’azzurro più social?
Ecco la classifica stilata grazie a “Oboscore”, lo strumento di OBO Digital che giorno per giorno, per tutta la durata dei mondiali, ci rivelerà l’Azzurro con più reach (penetrazione?) social!
Quanto sarà influenzata questa classifica da goal, autogoal, capigliature strane ed esultanze nei propri post Facebook, Twitter e Instagram? 

Vuoi vedere anche la classifica delle WAGs più social?

Ecco come viene calcolato il punteggio

La classifica oboscore, è una chart giornaliera che misura la popolarità di Brand e personaggi pubblici sui social media. OBO Digital produce questa classifica monitorando le persone raggiunte all’interno dei principali social network: Facebook, Twitter e Instagram. La classifica di seguito pubblicata è il prodotto della popolarità sociale dei profili selezionati dal team di OBO Digital, su base giornaliera. Il calcolo dell’oboscore si basa su un modello matematico che prende in considerazione: i post eseguiti sulle pagine; le interazioni spontanee ottenute da questi ultimi; la grandezza del network del soggetto monitorato.

Qualora il personaggio monitorato non svolga alcuna attività di posting sui propri canali sociali nel periodo in esame, viene accreditato con oboscore uguale a zero, in quanto non raggiunge alcun utente della propria di cerchia di utenti attraverso il suo contenuto. 
Le classifiche si aggiornano su base giornaliera, ogni giorno alle ore 10:00.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Van Persie mania: il nonno imita così il gol del nipote, poi posta la foto su Twitter

prev
Articolo Successivo

Mondiali Brasile 2014: la classifica social delle WAGs

next