Così tuonerebbero ai giorni nostri il principe Antonio “Totò” De Curtis e Alessandro Manzoni. Perché se ieri erano Attori, Cantanti, Calciatori e professionisti del Poker, oggi sono loro, gli Chef stellati, le vere star della tv.

È stato un attimo. Da professionisti dei fornelli, negli ultimi anni sono improvvisamente diventati noti, talvolta famosi, veri idoli dei teledipendenti, dai 5 ai 95 anni, senza distinzione di sesso o credo politico. In realtà i lungimiranti makers della tv hanno intercettato (o forse condizionato?) la tendenza dei telespettatori e hanno cominciato a mandare in onda “la qualunque” sul cibo. Reality, game show, tutorial, e via così, di ricetta in ricetta, passando da Rai a Mediaset, da Cielo a Sky, da La7 a Real Time, ma solo per citarne alcuni, surclassando testate specializzate come il Gambero Rosso Channel.

Chi sono? I loro nomi sono Carlo Cracco, Giorgio Barbieri, Simone Rugiati, Antonio Cannavacciuolo, Davide Scabin e tanti altri – che in alcuni casi non sono neanche chef e l’italiano lo masticano davvero male – che fanno i “cattivi” in tv verso aspiranti e semi professionisti della cucina. Faccia da duri, talvolta bellocci, modi bruschi, parole in libertà e il metodo, il più delle volte, è sempre lo stesso: insulti verso il poverino di turno che, puntualmente, viene mortificato in diretta nazionale. Altro che 5 minuti di notorietà. Qui si tratta di pubblico ludibrio, di gogna mediatica (metodo Boffo?), manca solo la garrota (e non carota). La domanda sorge spontanea: perché lo fanno gli uni (gli chef) e gli altri (le vittime)? I primi, forse, per spirito di emulazioni dei colleghi stranieri famosi come Gordon Ramsey che nei programmi di cucina oltreoceano urla, insulta e quasi aggredisce i concorrenti e lo share sale, sale, sale e si aggiunge anche pepe (quanto basta) alla competizione. E lauti guadagni. Come se non bastassero i vari milioni “guadagnati” da qualcuno facendo la cresta sulle mance dei camerieri o dalle pubblicità a servizio di prodotti industriali… tutto il contrario della sana dieta mediterranea. Ma questa è un’altra storia… e anche un po’ indigesta. Gli altri, invece, si prestano dimessamente nella speranza di raccogliere qualche briciola di notorietà o di coronare il sogno di una vita.

Ma dove sono, invece, i magnifici della cucina italiana che le 3 stelle Michelin, in Italia, le hanno conquistate? Heinz Beck, Niko Romito, Massimo Bottura, Enrico Crippa, Chicco Cerea, Nadia Santini, Annie Feolde e Italo Bassi, Raffaele e Massimiliano Alajmo sono esempi di coerenza e professionalità, di impegno e determinazione, che si dedicano alla cucina, quella vera… Ai posteri l’ardua sentenza…

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Cucina: quei piatti un po’ vintage

next
Articolo Successivo

Riviste, da conservare in ‘Dispensa’

next