Esistono sport poco seguiti: tra questi la pallanuoto.

Mi è capitato di recente di guardare qualche partita e di riflettere sulla bellezza dei corpi degli atleti. Non è solo questione di proporzioni. Per bellezza intendo l’insieme.

Si dice che non sia bello ciò che piace. Ma il bello è armonia e questi sportivi sono la la perfezione: mi vengono in mente la scultura del gruppo del Laocoonte e Il Discobolo di Mirone. Rimarresti lì a osservarli per ore. E ci sarebbero tanti altri esempi.

Corpi sensuali che praticano uno sport faticoso. Corpi che simboleggiano la virilità che la Treccani definisce così: “La qualità propria dell’uomo forte, sicuro di sé e risoluto, coraggioso, che si manifesta nelle sue azioni: v. d’animo; v. di propositi; v. di comportamento. 

Molti di questi atleti non si depilano (finalmente), hanno spalle perfette, mani grandi e gambe lunghe ma soprattutto sono possenti.

Il busto grintoso che  affiora dall’acqua, la pelle del corpo bagnata che evidenzia i muscoli è qualcosa di affascinante e sensuale. Come un’opera d’arte. E’ come quando ci si sofferma ad ammirare la grande bellezza dei guerrieri greci rappresentata nel marmo o nel bronzo.

Davanti a queste sculture umane si rimane incantati come davanti al Mosè di Michelangelo o a una scultura di Canova.

Inoltre seguire una loro partita mi ha ricordato le emozioni dei tempi della gloriosa Virtus Bologna di basket. Bel periodo di magiche sfide.

Il Campionato italiano di waterpolo è finito ma non sarebbe male, visto che esistono sport bellissimi oltre al calcio, che il prossimo anno ci fossero più tifosi e tifose di questa disciplina aggregante, pulita e molto ammaliante. (Confesso che davanti al televisore avevo gli occhi a girandola del pitone Kaa de “Il libro della Giungla”).

D’altra parte chi non vi dice che i Bronzi di Riace non fossero stati, oltre che guerrieri, divinità o eroi, anche pallanuotisti.

Potete seguirmi anche sul mio nuovo sito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scrivere non ha più senso tra tutte queste parole

prev
Articolo Successivo

Fotogiornalismo e reportage a Modena: da Che Guevara a Mandela

next