Non commento i fuorionda anche perchè non ero microfonato, andate a chiedere alla vostra collega giornalista”. Giorgio Airaudo, deputato di Sel, prima sembra non voler parlare del fuori onda della trasmissione tv ‘Taxi Populi’ (La3). Poi, invece, conferma il duro giudizio sul presidente del Consiglio Matteo Renzi definito ‘delinquente politico’. “Come altro definire – spiega Airaudo – uno che prima dice ‘stai sereno‘ e poi ti accoltella alle spalle?”. Sulle parole dette nel fuorionda sui sindacati, Airaudo spieda: “Non parlavo della Fiom, ma degli altri sindacati. Lì c’era un’operazione molto invasiava dei Riva, su cui perlatro sta indagando la magistratura”. Infine, sul giudizio espresso sul leader di Sel e presidente della Regione Puglia definito con ‘atteggiamento omossesuale‘ nelle telefonate con Archinà, Airaudo spiega: “Che io passi per omofobo, proprio non ci sta. Erano parole di comprensione. Vendola cercava una mediazione tra una bonifica e la tutela dei posti di lavoro. E credo che cercasse di costruire un dialogo per parlare con la proprietà, considerando Archinà un uomo di dialogo. Poi abbiamo scoperto, invece, che quello era un esecutore solerte delle intenzioni dei Riva”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Delrio su sottosegretario De Filippo imputato: “Dimissioni? Vedremo, farà valere sue ragioni”

prev
Articolo Successivo

Pil in calo, Renzi: “Escludo manovra correttiva. Il mio non è ottimismo stupido”

next