Gli amici veri si vedono nel momento del bisogno. Così nel pieno di una delicata campagna per le europee, l’amministratore delegato di Luxottica, Andrea Guerra, decide di trasformare subito lo spot elettorale preferito dall’amico-premier Matteo Renzi in una realtà concreta per i suoi dipendenti. Il gruppo di proprietà di Leonardo Del Vecchio ha deciso infatti di versare con un mese di anticipo gli 80 euro in più nelle buste paga dei lavoratori che guadagnano meno di 1500 euro al mese.

Per i dipendenti Luxottica si tratta di una buona notizia, che ha riscosso l’apprezzamento di parte sindacale. Anche se poi, nella sostanza, come riferisce il Corriere delle Alpi, l’iniziativa di Guerra non incide sull’ammontare complessivo della misura straordinaria che, per tutti gli altri lavoratori, scatterà a fine maggio: il compenso finale versato ad ogni dipendente non supererà infatti i 640 euro l’anno. E quindi per i lavoratori Luxottica gli 80 euro in più, che secondo l’Istat avranno comunque un effetto molto limitato sull’economia, scompariranno alla fine novembre. 

Ma per allora le elezioni europee saranno solo un ricordo lontano. E, intanto, anticipando la misura, Guerra avrà guadagnato la gratitudine dei suoi dipendenti e quella del premier che lo avrebbe voluto al suo fianco al ministero dello Sviluppo Economico. Un incarico che l’ad di Luxottica aveva declinato lo scorso febbraio con una nota in cui, augurando ogni bene al nuovo esecutivo, prometteva: “Io personalmente, insieme a Luxottica, faremo sempre di tutto per contribuire alla evoluzione positiva del nostro Paese”. E del governo Renzi, naturalmente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fuga di notizie sul Def, indagati tre funzionari del ministero dell’Economia

prev
Articolo Successivo

Soros: “Grillo non va preso sul serio, è una prova della disperazione dei giovani”

next