“E’ fondamentale incoraggiare i bambini vittime di violenze sessuali a denunciare. Moltissimi non parlano, ma invece devono sapere che hanno il diritto di tutelare il proprio corpo e la propria sessualità”. Così Sandra Zampa, deputata Pd e membro della Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza, nel corso della presentazione alla Camera dei deputati di una mozione, presentata dai democratici, per contrastare il fenomeno della pedofilia. “Si deve lavorare sull’educazione a scuola, sulla informazione e sulla rieducazione delle persone abusanti. L’obiettivo della mozione – continua Zampa – è quello di mettere in campo strumenti per prevenire questo reato che lascia tracce indelebili tutta la vita”. “Il 90% degli abusi – spiega Vanna Iori, deputata Pd e prima firmataria del provvedimento – avviene in famiglia. L’Italia è il primo paese per turismo sessuale e, come emerge da una ricerca di Save the Children, il 38% degli intervistati ritiene naturale fare sesso con un minore. Difronte a questi dati è necessario investire il maggior numero di risorse per combattere il fenomeno”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabilità, la guerra tra poveri che discrimina

next
Articolo Successivo

Sla, presidio e incontro con il governo: “Presto piano per la non autosufficienza”

next