“E’ fondamentale incoraggiare i bambini vittime di violenze sessuali a denunciare. Moltissimi non parlano, ma invece devono sapere che hanno il diritto di tutelare il proprio corpo e la propria sessualità”. Così Sandra Zampa, deputata Pd e membro della Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza, nel corso della presentazione alla Camera dei deputati di una mozione, presentata dai democratici, per contrastare il fenomeno della pedofilia. “Si deve lavorare sull’educazione a scuola, sulla informazione e sulla rieducazione delle persone abusanti. L’obiettivo della mozione – continua Zampa – è quello di mettere in campo strumenti per prevenire questo reato che lascia tracce indelebili tutta la vita”. “Il 90% degli abusi – spiega Vanna Iori, deputata Pd e prima firmataria del provvedimento – avviene in famiglia. L’Italia è il primo paese per turismo sessuale e, come emerge da una ricerca di Save the Children, il 38% degli intervistati ritiene naturale fare sesso con un minore. Difronte a questi dati è necessario investire il maggior numero di risorse per combattere il fenomeno”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabilità, la guerra tra poveri che discrimina

prev
Articolo Successivo

Sla, presidio e incontro con il governo: “Presto piano per la non autosufficienza”

next