I 65mila dipendenti di Intesa SanPaolo (90mila includendo i lavoratori delle filiali estere) diventano azionisti della banca. Saranno infatti conferite gratuitamente a tutti azioni gratuite per un controvalore pari a 920 euro. Lo prevede l’accordo raggiunto da Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca, Dircredito, Sinfub, Ugl con Francesco Micheli, capo delegazione aziendale. L’accordo, che è stato raggiunto a Roma dopo una lunga trattativa partita quasi due mesi fa, sarà sottoposto al voto degli azionisti di Intesa SanPaolo nell’assemblea convocata l’8 maggio a Torino.

Il lavoratore-azionista potrà incassare subito i 920 euro per le azioni (cifra che sarà però tassata) o aderire a un piano di investimento triennale. In questo secondo caso la banca darà un numero maggiore di azioni gratuite, che sarà differenziato a seconda dei ruoli e delle responsabilità. L’intesa riguarda anche il premio aziendale che sarà dato soltanto ai lavoratori con un reddito annuo lordo fino a 65.000 euro (le azioni invece saranno date a tutti): potrà essere convertito in un ‘premio sociale‘, collegato al rimborso delle spese defiscalizzate per i figli (asili nido, libri scolastici, soggiorni di studio), previdenza aziendale o fondo sanitario aziendale fino a un ammontare di 820 euro.

“Fatto nuovo – sottolineano i sindacati – è il riferimento alla retribuzione lorda annua e non più solo ai singoli livelli retributivi delle aree professionali (impiegati e quadri). L’accordo, decisamente innovativo e avanzato, permette, in riferimento al Piano D’Impresa 2014/2017, un azionariato diffuso con criteri distributivi trasparenti e collettivi”. La cifra che la banca mette a disposizione è di 55 milioni di euro, ma se tutti i dipendenti aderiranno salirà a circa 250 milioni di euro.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bayer acquista i farmaci da banco di Merck per 14,2 miliardi di dollari

next
Articolo Successivo

Il rendimento dei Btp cala al minimo storico. Ottimismo dei mercati sull’Italia

next