Dopo l’adunata di Pontida, Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, è atterrato in Sicilia per il suo tour in vista delle Europee. Ad accoglierlo al porto di Augusta, città simbolo dell’emergenza migranti in Sicilia, una decina di simpatizzanti con cartelli “Basta euro” e “Stop immigrazione clandestina”. Il leader della Lega si sofferma a parlare contro l’Unione Europea, la cancelliera Merkel e l’operazione “Mare Nostrum” nata nell’ottobre 2013 per fronteggiare l’emergenza sbarchi dopo la tragedia di Lampedusa che causò quasi 400 morti. “E’ un’emergenza. Non è – attacca Salvini – immigrazione, ma un’invasione. Stop all’operazione che aiuta gli scafisti, dobbiamo respingerli in mare”. Ma l’Italia, proprio per i respingimenti fatti nel 2009, con la gestione ministeriale di Maroni, venne condannata dalla Corte Europea per la violazione della Convenzione dei diritti umani. “Con Maroni – prosegue Salvini – non ci fu nessuno sbarco, nessuna partenza e nessun morto. L’alternativa è spendere i soldi in Africa ed aiutarli nel loro Paese”. Il segretario della Lega Salvini sembra aver dimenticato la strage dell’aprile 2011 quando, in piena emergenza sbarchi, a perdere la vita a largo di Lampedusa furono 300 nord africani, o quando nello stesso anno dopo lo sbarco di 400 migranti, 26 vennero trovati morti nella stiva, probabilmente a causa dell’asfissia dovuta al sovraffollamento. Proprio quando era ministro dell’Interno Roberto Maroni. Ad accogliere il segretario della Lega a Catania anche Mariano Ferro, leader del movimento Forconi: “Siamo stati invitati, lo vogliamo ascoltare, la linea di oggi sembra quella del dialogo con il Sud”  di Saul Caia e Dario De Luca

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontri Olimpico, pm chiede convalida 4 fermi. Genny ‘a carogna, al vaglio daspo

prev
Articolo Successivo

Brescia, pro-Stamina: “Ospedale non somministra infusioni perché medici obiettori”

next