Vi pare normale straparlare di rifiuti interrati 25 anni fa e non fare altrettanto per l’avvelenamento (vero) che tuttora continua in superficie, indisturbato e alla luce del Sole?
Risalendo ai post dell’estate scorsa, mentre tutti si affannavano a pubblicare le parole di Schiavone, dal mio blog non rilanciavo una sola di quelle interviste poiché sin dall’inizio avevo capito cosa sarebbe accaduto e dove si sarebbe andato a parare. 

Oggi è evidente a tutti che quelle dichiarazioni furono rispolverate e gettate in pasto all’opinione pubblicasolo per iniziare una grande operazione sensazionalistica che è stata utile a: 

1) Distogliere l’attenzione dal vero problema tuttora in essere, i roghi tossici;
2) Pilotare l’interesse politico-economico sulle bonifiche con i relativi miliardi di fondi comunitari e regionali da sbloccare.

A conti fatti. Chi ha cavalcato quelle dichiarazioni e partecipato al “teatro” si è reso corresponsabile dei suoi nefasti risultati. 
Ovvero. L’economia della regione è in ginocchio per il danno all’immagine subìto, non essendo tutto inquinato come si è fatto credere e non si è risolto nulla, in quanto il vero avvelenamento (quello da roghi tossici) prosegue indisturbato…

L’AVVELENAMENTO CONTINUA!
www.laterradeifuochi.it 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le Cinque Terre, biodiversità tra mare e monti

prev
Articolo Successivo

Roma, Parco Prampolini: archeologia e verde non ‘si parlano’

next