Riforme istituzionali e riforma del lavoro. Il menù del presidente del Consiglio Matteo Renzi non cambia. Lo ribadisce alla direzione del Pd dove – da segretario – ha chiesto al partito la timbratura del prossimo passaggio, dopo i primi voti del Parlamento alla legge elettorale e all’abolizione delle Province. Il governo approverà lunedì 31 marzo in consiglio dei ministri il disegno di legge costituzionale sulla riforma del Senato e sul Titolo V. Sull’altro fronte Renzi cerca di scrollarsi di dosso le incertezze, gli attriti e le critiche anche di parte del suo partito (oltre che della Cgil). “Leggo discussioni e ultimatum sul lavoro, che capisco poco – dice il capo del governo in direzione – Non è una parte a piacere, il pacchetto sta insieme. Infine c’è “una questione di tenuta” del Pd nei “prossimi mesi e anni: la gestione degli organi di partito non può vedere una mancanza di attenzione. Per questo farò all’assemblea Pd la proposta di due vicesegretari: Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini“. Una scelta che sarà “un elemento di garanzia, non di polemica interna”. 

Renzi, nella relazione poi approvata con 93 voti favorevoli e 12 contrari, elenca le iniziative prese in questo mese o poco più di governo. La revisione della spesa: “Ha il senso di ridisegnare il processo amministrativo. Non il taglia qui, taglia lì. E’ cambiare la forma mentis”. Le Province: “Si riduce il numero delle persone che fanno politica in Italia, è una potente dimostrazione di serietà”. Le tasse: “Tagliamo il cuneo fiscale non con un’operazione in burocratese puro ma tagliando a quelli che dicono meno abbienti ma che prendono 1300 euro e una volta erano ceto medio. E’ un pezzo di popolazione cui cerchiamo di restituire un po’ di fiato”. Anzi: “Una quattordicesima in busta paga”, dice. Certo, ammette, “la vendita delle auto blu ha una sua componente demagogica oggettiva, nessuno pensa che così si risolvono i bilanci dello Stato. Però è vero che da noi c’è un numero sproporzionato di auto blu rispetto agli altri Paesi”. E non si accontenta, il leader democratico: “Il M5s è in difficoltà – dice – E’ in rincorsa rispetto a noi perché insegue sui temi su cui prima aveva una primazia e ora non più. Loro parlano e noi risolviamo“.

Ma i perni restano due: riforme e lavoro. “La necessità di fare riforme in tempi certi – afferma Renzi alla direzione Pd – non nasce da una mia schizofrenia personale ma dalla consapevolezza che il rispetto dei tempi è elemento di credibilità con i cittadini e con le istituzioni internazionali”. Il presidente del Consiglio conferma che ad aprile il governo farà la riforma della pubblica amministrazione, a maggio la delega fiscale e a giugno la riforma della giustizia.

Quanto al lavoro “non dimentichiamo – ha proseguito – che con delle regole tra le più restrittive, vidimate dai sindacati, siamo passati da 25% al 40% di disoccupazione giovanile. Non si risolve problema lavoro rendendo più difficile l’accesso al lavoro ai nostri giovani. Poi io sono curioso – ha quindi concluso – di vedere come collaborerà il Pd alla delega. Ma la delega deve avere i tempi certi”.

Infine l’organizzazione del partito. “L’altro tema al quale sono stato richiamato – scandisce – è quello di fare una riflessione sul sistema partito. Lo considero un fatto positivo, a condizione che questo si faccia con uno spirito molto franco e subito dopo le elezioni, senza che questo costituisca né una rivincita né il tentativo di rigiocare una partita già giocata, ma siamo convinti si possa fare una discussione franca”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, non solo M5S: Corte Conti indaga su rimborsi spese di tutti i gruppi Ars

next
Articolo Successivo

Caro governo, le parole non cambiano verso

next