Sono vent’anni che lavorano alla Variante di Valico, il tracciato bis dell’autostrada del Sole sull’appennino tosco-emiliano, tra Barberino del Mugello e Sasso Marconi. E dopo vent’anni non solo non si vede la fine, ma le gallerie franano e c’è il rischio che si debbano buttar via almeno altri cinque anni di lavori. Dopo la notizia dei problemi alla galleria Sparvo siamo tornati nei cantieri della Variante di valico tra Bologna e Firenze, dove Dino Ricci, portavoce del comitato dei cittadini di Ripoli, racconta perché le frane stanno mettendo a rischio la grande opera autostradale. Il paesino intanto continua a muoversi a causa di una enorme massa di terra riattivata dai lavori di un altro tunnel, il Val di Sambro. Decine di cittadini sono già stati evacuati e da tempo si muove anche il viadotto della vecchia Autosole, l’attuale A1. “Queste gallerie andavano progettate in maniera diversa”  di David Marceddu e Giampiero Calapà

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav Mugello, vertici di Cavet condannati per reati ambientali

next
Articolo Successivo

Sardegna, ‘l’acqua ricorda’ e noi dobbiamo cambiare rotta

next