Unicef ha scelto l’Italia per realizzare un’importante iniziativa: ricavare fondi da investire nei suoi progetti vendendo gli immobili ereditati o ricevuti in donazione. E per farlo ha stretto accordi con Immobiliare.it. Dieci dei quasi 100 immobili dell’Unicef (presto saranno 20) sono già online (www.immobiliare.it/unicef), affidati al network di professionisti selezionati da Immobiliare.it. Il patrimonio immobiliare da lasciti in disponibilità di Unicef (appartamenti, negozi, mansarde, terreni distribuiti sull’intero territorio italiano) ha oggi un valore di circa 3 milioni di euro. “Circa il 60% dei lasciti a nostro favore ha per oggetto immobili”, spiega Davide Usai, direttore generale del comitato italiano per l’Unicef. “Non biogna svalutare il lascito e dobbiamo garantire la trasparenza, peraltro in un momento di difficoltà del mercato, con le compravendite che nel 2013 in Italia sono crollate a 403mila” aggiunge invece l’amministratore delegato di Immobiliare.it, Carlo Giordano. In merito al nuovo Piano casa presentato dal governo Renzi, Giordano spiega: “Il mondo casa ha dinamiche molto più lente di come le vive il governo. Non è con comunicati o azioni estemporanee che si risolvono i problemi del mercato immobiliare. Ci vuole concretezza nell’azione. Per avere un’idea dell’estemporaneità di certe riforme – ha aggiunto Giordano – pensate a quante volte ha cambiato il nome la tassazione sulla casa, ma alla fine sempre tassazione è rimasta”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moretti ha detto una cosa elementare (e giusta)

prev
Articolo Successivo

Renzi, i manager pubblici cercali con un concorso

next