Paco de Lucìa, uno dei più grandi chitarristi di flamenco, è morto all’età di 66 anni dopo aver subito un attacco di cuore quando era con la sua famiglia in Messico. Lo riferisce sul proprio sito il quotidiano spagnolo Abc.

Francisco Sanchez, questo il vero nome dell’artista, nacque ad Algeciras, in provincia di Cadice, il 21 dicembre 1947. Il nome d’arte Paco è il diminutivo di Francisco Franco e il cognome de Lucia è in onore della madre, Lucìa Gòmez. Immerso nella cultura flamenca fin dalla nascita, de Lucia inizia ad apprendere a suonare la chitarra all’età di cinque anni dal padre Antonio Sànchez e dal fratello Ramon de Algeciras, entrambi chitarristi di flamenco. Il suo maestro è stato il chitarrista Niño Ricardo (Manuel Serrapì Sànchez) e tra i suoi parenti lo zio Sabicas (Agustìn Castellòn Campos) è anch’egli un noto chitarrista. All’età di soli 11 anni de Lucia abbandona la scuola per dedicarsi completamente alla chitarra e si esibisce per la prima volta in pubblico, ospite di una radio locale. Tre anni dopo insieme al fratello Pepe, forma il duetto ‘Los Chiquitos de Algecìras‘. Nel 1962 si trasferisce a Madrid con la famiglia e poi parte per gli Stati Uniti per il suo primo tour con il fratello. Nel 1965 de Lucia avvia una serie di collaborazioni musicali con vari artisti: fra gli altri Ricardo Modrego e A. Fernàndez Dìaz Fosforito con il quale incide la ‘Seleccion Antològica del Cante Flamenco’.

Nel 1967 incide il suo primo album da solista ‘La fabulosa guitarra de Paco de Lucìa’. L’anno successivo avviene l’incontro con Camaròn de la Isla con il quale registrerà ben 12 album. La lunga serie di concerti e il successo ottenuto gli permetterà arrivare a suonare il 18 febbraio 1977 al Teatro Real di Madrid, dove fino ad allora non si era mai esibito un chitarrista di flamenco. Nella metà degli anni settanta de Lucia conosce e subisce l’influenza artistica di personaggi come Al Di Meola, John McLaughlin, Larry Coryell e Chick Corea.

Nel 1977 si sposa con Casilda Varela. Nel 1980 incide con John McLaughlin e Al Di Meola ‘Friday Night in San Francisco’ un album che a tutt’oggi ha venduto più di cinque milioni di copie. Nel 1981 con Ramòn de Algeciras, Pepe de Lucìa, Rubèn Dantas, Carles Benavent e Jorge Pardo incide un album rivoluzionario per la musica flamenca ‘Solo quiero caminar’. Nel 1996 si riunisce dopo 13 anni con John McLaughlin e Al Di Meola con i quali inciderà ‘The Guitar Trio’. Nel 1998 incide l’album ‘Luzia’, dedicato alla madre scomparsa . Fra i premi ricevuti da Paco de Lucia spicca il Prìncipe de Asturias nell’Arte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, arrestato ex capo vigili Roma. Minacciava ex sindaco Alemanno

next
Articolo Successivo

Vaticano, Ratzinger: “Rinuncia valida, ma speculazioni assurde su mia decisione”

next