Anima Mia è stato il primo vero esordio televisivo di Fazio Fabio correva l’anno 1997. Insieme a Claudio Baglioni ed Orietta Berti, inaugurava il ‘vintage’ in tivù.
In quegli anni ritornarono in auge i ’70, oggetti e persone ormai dichiarate morte e sepolte: I cugini di Campagna, l’automobile Prinz e le palline Clic Clac.
Da allora passando per Quelli che il Calcio, la formula di Fazio è sempre stata questa: un mix tra ‘amarcord’ (e va anche bene), ricordismo (eccesso di amarcord), celebrazione di meteore dello spettacolo, celebrazione e auto-celebrazione di episodi e personaggi non a caso finiti nel dimenticatoio, dinosauri televisivi e amenità che avevamo confinato chi nei garage, chi nei sottoscala, chi negli sgabuzzini, altri sotterrati nelle cantine.

Ma è in questo Sanremo2014 che Fazio Fabio (sei uno strazio…) si è davvero superato ed è riuscito anche a scongelare i morti e i quasi morti, e li ha messi sul palco: Claudo Abbado, Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Enzo Jannacci, Fabrizio De Andrè, il maestro elementare di ‘Non è mai troppo tardi’, Franca Valeri, Tito Stagno, Raffaella Carrà e le gemelle Kessler, manca solo La Corazzata Potëmkin (ma non è escluso che non l’abbia già pensato per l’ultima puntata).

E’ vero molti di loro sono ancora vivi, ma sull’opportunità o meno di avere sul palco Franca Valeri si è interrogato il pubblico che segue su Twitter questo #Sanremo2014. Ecco qualche tweet saliente:

 

 

 

 

 

Fabio Fazio e i suoi autori si comportano come degli avvoltoi. Ok all’amarcord, ma se si eccede si chiama sciacallaggio. E’ proprio impossibile guardare avanti? O almeno al presente? Fabio Fazio in vestaglia e pantofole, la giusta metafora della nostra tivù incapace di rinnovarsi. Nessuno guarda Sanremo? Ovvio è un film che abbiamo già visto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2014, dati Auditel terza serata. Ascolti sotto i 9 milioni. Mancano le idee

next
Articolo Successivo

Sanremo, il ricordismo di Fazio? Culto dei morti (e dei vivi che non stanno tanto bene)

next