Montano le polemiche a pochi giorni dall’apertura dei Giochi della XXIV Olimpiade, segnati ormai irrimediabilmente da tematiche (diritti civili, rapporti di coppia “irregolari” ecc.) che hanno finito per travolgere anche quello  che fino a qualche anno fa era semplicemente  un momento d’incontro fra sportivi e di relax per il pubblico e anche un momento di relax per il pubblico che seguiva l’evento in tutto il mondo civile.

Ad aprire la bagarre è stato il coming out del pancraziaste Artemios di Mileto, espresso in un’intervista a Pyndaros.com e immediatamente ripreso da tutti i media dell’ekumene. “Vivo con una donna da più di un anno – ha dichiarato l’atleta – e voglio che tutti lo sappiano, finalmente”. “Ma… ma non pensa che reazione avranno i suoi compagni di squadra? E il pubblico? A pochi giorni dall’avvio dei giochi?”. “I ragazzi lo sanno già da diversi giorni, e del resto sarebbe stato difficile nasconderlo in un ambiente come quello della palestra. Debbo dire che la maggior parte mi sono stati vicini, anche se non è mancato qualche momento… difficile”.

Immediate le reazioni del mondo politico. A parte le (prevedibili) reazioni del trainer spartano Kleombrotos, che ha minacciato di ritirare la squadra se i responsabili milesi non provvederanno ad allontanare il pancraziaste, una durissima presa di posizione è arrivata dall’Enotria dove il senatore Iovanardos ha denunciato il dilagare del vizio che ormai minaccia di invadere anche i ginnasi. “Noi non permetteremo – ha dichiarato l’esponente di Pornokrateia – che i nostri giovani vengano corrotti da parthenorasti, gynofili e altri pervertiti”. Espressioni di condanna sono state diffuse anche dal portavoce dell’Oracolo di Delphi.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ireen Wust: l’oro che illumina la causa gay nelle Putiniadi di Sochi

next
Articolo Successivo

Quando penso a un migrante…vedo i danni delle frontiere (di Mirra)

next