Il governo portoghese combatte l’evasione fiscale con le auto di lusso. Lisbona, spiega il Financial Times, è pronta a mettere in palio sessanta vetture “top di gamma” all’anno, con lotterie settimanali a cui potrà partecipare chi presenterà uno scontrino con il proprio codice fiscale, ottenuto presso locali pubblici come caffetterie, ristoranti, meccanici, parrucchieri e altre imprese del commercio.

Il segretario di Stato per gli affari fiscali, Paulo Nuncio, è “fiducioso” che l’iniziativa possa aumentare del 50% le operazioni di vendita comunicate all’autorità fiscale, con almeno 2 miliardi di euro in più di fatture registrate. Per Nuncio, che punta così ad avvicinarsi più facilmente agli obiettivi ambiziosi fissati dall’accordo che ha concesso aiuti internazionali da 78 miliardi, il costo delle auto (che è stimato in 90mila euro per ciascuna) dovrebbe infatti essere di gran lunga inferiore rispetto al maggiore gettito per l’erario. Lotterie simili sono state organizzate nello Stato di São Paolo, in Brasile, ma anche in Argentina, Colombia, Portorico, Taiwan e Slovacchia.

Si calcola che l’economia sommersa portoghese sia pari a un quinto di quella emersa. Il governo portoghese ha dovuto fronteggiare le critiche di chi ritiene che non si addica a una moderna democrazia europea “trasformare i cittadini in ispettori fiscali” con auto di lusso. Non solo. I più contrari segnalano che la distribuzione di veicoli a motore possa aumentare ulteriormente l’inquinamento e danneggiare l’export di auto prodotte in Portogallo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Industria: produzione del 2013 cala del 3 per cento, a dicembre -0,7%

next
Articolo Successivo

Acqua, al via ispezioni dell’Autorità dell’energia su correttezza tariffe

next