Alitalia e Etihad sono entrate nella fase finale della due diligence volta al possibile investimento” della compagnia degli Emirati arabi nel gruppo italiano. E’ quanto comunica Alitalia in una nota, sottolineando che “nei prossimi trenta giorni entrambe le compagnie e i loro advisor stabiliranno come sviluppare una strategia comune per raggiungere gli obiettivi che i due vettori si sono prefissati”. Saranno così affrontati “tutti i temi che possano pregiudicare la definizione di un adeguato piano industriale, la cui completa realizzazione produrrà una redditività sostenibile per Alitalia”.

L’ex compagnia di bandiera italiana mostra quindi di essere ottimista sulla chiusura dell’accordo. Ma il tempo scorre e il rischio per Alitalia è di bruciare l’opportunità di recupero offerta dall’aumento di capitale dello scorso dicembre. Un passo importante è stato fatto sabato scorso, con l’arrivo in corner dell’intesa con i sindacati, resa possibile dalla marcia indietro del management sulla cassa integrazione a zero ore per circa 400 dipendenti. Il governo ha cercato così di dare un segnale forte e concreto sulla capacità di Alitalia di andare avanti nel processo di ristrutturazione e abbattimento dei costi. Anche se i sindacati hanno sottolineato che si è trattato “soltanto dell’avvio di un confronto”.

Enrico Letta, intanto, fa sapere di avere “accolto con molta soddisfazione la dichiarazione di Alitalia ed Ethiad” e di “sostenere fortemente la prospettiva positiva di una finalizzazione di questo accordo”. Non solo. “Faremo la nostra parte e sono convinto che tutti in Italia faranno la loro parte, ognuno è importante che ora si assuma le sue responsabilità”, ha aggiunto, sottolineando che “questo è stato un tema dei miei colloqui negli Emirati”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Imu-Bankitalia, Saccomanni: “Addolorato per falsità e distorsioni”

next
Articolo Successivo

Confcommercio contro la legge di Stabilità: “Porterà 4,6 miliardi di tasse”

next