Caro Augias, di lei avevo una grande considerazione. Dopo la sua intervista alla trasmissione di La7, anche lei è finito nella zona d’ombra di un’informazione che tutto occulta nel merito stigmatizzando il metodo. Che il M5S sia paragonabile al fascismo è semplicemente ridicolo e per dimostrare il contrario basta guardare le tante attività, eventi, articoli promossi da questi strani fascisti negli ultimi anni. Comunque.
 
Il capolavoro è che lei riesce ad accusare i Cinque stelle di semplificare tutto con gli slogan: forse gli italiani non hanno bisogno di capire quello che succede in Parlamento? Non le bastano scandali e tangenti degli ultimi 20 anni per capire che arriviamo sempre molto tardi a capire? Che accusa è “con gli slogan non si risolvono i problemi?” Ce lo può spiegare? Non si può accusare di ‘sloganismo’ qualcuno utilizzando per l’appunto slogan. Da anni la politica si è ridotta a slogan utili in campagna elettorale e poi sistematicamente calpestati nei fatti (F35, slot-machine, preferenze, ecc.).
Caro Augias possiamo per una volta entrare nel merito della questione e dire in tv perché i Cinque stelle sono arrivati a questa opposizione così eclatante? Perché sono cosí arrabbiati di questo ddl Imu-Bankitalia? O è troppo difficile? Per ‘merito’ si intende ‘la sostanza di una cosa, contrapposta alla forma e agli accidenti’. La aiuto io? Il ‘merito’ di questo ddl è un esborso di soldi dei contribuenti verso le casse delle banche private per 4,2 milardi. Questo è il merito della questione. ‘Concetti troppo semplici’. Scusi, non ho capito: è meglio complicarli un po’? In questo caso allora parliamo di fascismo, di nuovo fascismo, di George Clooney, di Topolino, ecc.. e tutto si complicherà alla meraviglia.
 
Augias per cortesia, puoi rispondere ad una domanda? (dato che la tua intervistatrice non te ne ha rivolte, te la faccio io): tu cosa pensi del fatto che il Ddl comporta -4,2miliardi per gli italiani e contemporaneamente +4,2milardi per le banche? Forse la domanda è troppo semplice per te? Già che ci sono te ne faccio un’altra, spero un po’ più complicata: sei consapevole del fatto che decine di migliaia di pensionati tele-dipendenti votano in base a quello che tu dici in tv? 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In tv tutti parliamo arabo!

next
Articolo Successivo

Caro Grillo, il Web è un’altra cosa

next