Dario Fo torna al Piccolo teatro di Milano (in scena da domani sera) con uno spettacolo che a parte tutto è un omaggio alla sua compagna di sempre, Franca Rame, scomparsa l’anno scorso. La nuova rappresentazione si intitola “In fuga dal Senato”, come il libro edito da Chiarelettere. Lo spettacolo è il racconto “a episodi” dei due anni che l’attrice passò sugli scranni del Parlamento, dopo essere stata eletta alle politiche del 2006. La Rame definì palazzo Madama “il frigorifero dei sentimenti” per spiegare come fosse complesso dare attuazione alle tante idee di riforma che sognava. “Se è cambiato qualcosa in questi anni? Non mi sembra” Ha detto il premio Nobel , che poi ha aggiunto: “Siamo costretti ad assistere addirittura allo spettacolo in cui per tenere in piedi questo governo si debba chiedere il placet a Berlusconi, che vista la sua condanna dovrebbe stare fuori dalla politica. Mi chiedo cosa stiano mai pensando gli elettori del Partito Democratico mentre vedono il loro Segretario accordarsi ‘senza dare nell’occhio’ col vecchio leader di Forza Italia” di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi in Piemonte, Cota sbotta e urla: “Strumentalizzazioni fuori dalla realtà”

next
Articolo Successivo

Renzi segretario e sindaco, una scelta opportuna? Vox più sondaggio

next