Se fosse vissuto nel tredicesimo secolo il senatore Carlo Giovanardi sarebbe stato il “muso ispiratore” ufficiale del sommo Alighieri e della sua legge del contrappasso: nell’inferno dantesco, i superbi che in vita hanno tenuto troppo alta la testa, sono costretti a camminare a testa bassa, gravati da pesi enormi; similmente, oggi, chi nella vita ha ingaggiato una crociata contro le “diversità” se le ritrova inaspettatamente in casa. “Chi la fa l’aspetti” si potrebbe semplificare.

In realtà la figlia di Giovanardi che confessa al padre di avere un compagno nero, rasta, e sposato con un uomo sembra il frutto di una volontà celeste riparatrice. Compensatrice. Una nemesi storica che risarcisce, ma solo in parte, di frasi del tipo “due donne che si baciano è come vedere uno che fa la pipì per strada” o “l’Olocausto dei gay non c’è mai stato” rimuovendo la realtà storica delle migliaia di omosessuali rinchiusi nei campi di concentramento nazisti.

Chissà se questa “giustizia divina” si manifesterà anche sotto altre forme: magari il figlio di Salvini si sposerà con una giovane nigeriana sbarcata a Lampedusa; e la figlia di Pier Silvio, nipote di Silvio, si innamorerà perdutamente di un giornalista del “Fatto”. Comunista, e interista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Povertà, Bankitalia: “Il 16% degli italiani vive con meno di 7.700 euro l’anno”

next
Articolo Successivo

“Incertezza sulle Province”, così Milano taglia l’assistenza agli anziani

next