Editoriale di apertura di Michele Santoro, che incentra il suo commento sul “Gian Burrasca Renzi”: “Avanza lui, basta con le minestre, gli scarti, gli avanzi, le sciacquature dei piatti precedenti. Incoraggio Renzi ad andare avanti, non m’importa che abbia incontrato Berlusconi, perché tanto lo fanno in molti. Ho dei dubbi sulle sue idee, ma forza Italicum”. Ed esprime il suo scetticismo sulle nuove primarie, preferendo la preferenza e non le liste bloccate: “Io le liste bloccate non le voglio. Come decido il mio rappresentante? Come capisco chi va? E non raccontarmi, Gian Burrasca, che ci sono le primarie e le condizioni di Berlusconi. O mi porti nel seggio a decidere chi sarà il mio deputato oppure io le liste bloccate non le voglio perché sennò siamo al solito punto, o mangi la minestra o salti dalla finestra, e si resta col culo per terra”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, D’Alema su scontro Renzi-Cuperlo: “Mi occupo della Polonia”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Fassina: “Riconoscere le differenze nel Pd per migliorarlo”

next