Un osservatorio permanente sulla giurisdizione. E’ questo il nuovo organo consultivo promosso dal Consiglio nazionale forense, e previsto nella riforma dell’ordinamento professionale degli avvocati nel 2012. Raccolta dei dati, rielaborazione e diffusione per migliorare l’efficienza della giustizia è questo lo scopo principale dell’osservatorio. L’Italia per la lunghezza dei processi è il fanalino di coda di molte classifica internazionali. “Eppure – ­ afferma a Roma alla Camera dei deputati alla vigilia dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, il presidente del Consiglio nazionale forense, Guido Alpa – ­ ci siamo basati su quei dati per riformare il sistema dal 2005 ad oggi, e la giustizia è peggiorata. I costi – continua Alpa – sono aumentati, il servizio è rimasto lo stesso”. Alla fine il saldo secondo l’avvocatura è negativo. La durata del processo di primo e secondo grado è aumentata di circa 2 anni dal 2005 al 2011. I costi d’accesso sono lievitati del 55,62% per il primo grado, del 119,15% in appello e del 182,67% in Cassazione (contributo unificato pagato dal 2002 al 2012). “Noi avvocati abbiamo un dialogo difficile con il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, ma vorremmo cooperare e metterci a disposizione ­- afferma ancora Alpa – ­non vogliamo una giustizia di classe a cui possono accedere soltanto i più ricchi”. Un’altra proposta del governo che fa storcere il naso agli avvocati ­ e si aggiunge all’accorpamento dei tribunali da loro tanto contestata ­ è quella delle motivazioni dei giudici a pagamento. “In base a questa legge delega che dovrà essere presentata alla Camera ­- spiega il presidente – il giudice emette la sentenza, ma non ha più l’obbligo di motivarla, se non a pagamento. Tutto ciò è incostituzionale e lede il diritto di difesa”  di Irene Buscemi
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nuovo anno giudiziario, brindiamo con gli stessi problemi

prev
Articolo Successivo

Voto di scambio, indagato l’ex Udeur Barbato: sputò al senatore che votò Prodi

next