Dal 24 al 26 maggio prossimo Papa Francesco sarà in Terra Santa. È stato lo stesso Bergoglio ad annunciare, all’Angelus, le date del suo pellegrinaggio in Giordania e Israele. Le tappe saranno Amman, Betlemme e Gerusalemme. “Scopo principale – ha spiegato il Papa ai numerosi fedeli presenti in piazza San Pietro – è commemorare lo storico incontro tra il Papa Paolo VI e il Patriarca Atenagora, che avvenne esattamente il 5 gennaio, come oggi, di 50 anni fa”. “Presso il Santo Sepolcro – ha aggiunto Bergoglio – celebreremo un incontro ecumenico con tutti i rappresentanti delle Chiese cristiane di Gerusalemme, insieme al Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli. Fin da ora vi domando di pregare per questo pellegrinaggio”.

Francesco è il quarto Papa a tornare nella Terra di Gesù. Prima di lui Paolo VI, nel 1964, dopo la seconda sessione del Concilio Vaticano II, tornò nella terra in cui, per i cristiani, Gesù diede a Pietro il compito di “confermare i fratelli nella fede”. Nel 2000, durante il Grande Giubileo, fu Giovanni Paolo II a ripercorrere le strade della Terra Santa. E nel 2009 fu Benedetto XVI ad andare in Israele. Del viaggio del Papa emerito rimane nella memoria l’appello in favore del buon esito dei negoziati di pace fra israeliani e palestinesi affinché “ambedue i popoli possano vivere in pace in una patria che sia la loro, all’interno di confini sicuri e internazionalmente riconosciuti”.

A Betlemme Benedetto XVI aprì il suo cuore ai palestinesi: “So quanto avete sofferto e continuate a soffrire a causa delle agitazioni che hanno afflitto questa terra per decine di anni”. Un appello particolare Ratzinger lo rivolse ai giovani palestinesi affinché mai “le perdite di vite e le distruzioni suscitino amarezze o risentimento nei cuori”, resistendo così a ogni tentazione di ricorrere ad atti di violenza e di terrorismo. Visitando poi il campo profughi di Aida, il Papa emerito affermò che “è tragico vedere che vengono tuttora eretti dei muri e che gli sforzi diplomatici potranno avere successo soltanto se gli stessi palestinesi e israeliani saranno disposti a rompere con il ciclo delle aggressioni”. Papa Francesco ripartirà proprio da qui per proseguire il difficile cammino di pace tra israeliani e palestinesi e per consolidare il dialogo ecumenico e interreligioso che in Terra Santa, grazie a Montini, Wojtyla e Ratzinger, ha scritto delle pagine storiche non solo per la Chiesa di Roma ma per la convivenza pacifica del mondo intero.

Twitter: @FrancescoGrana

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, i primi cardinali di Bergoglio: schiaffo a Bertone e Bagnasco

next
Articolo Successivo

Bersani colpito da emorragia cerebrale. Operato per 3 ore: “Prognosi riservata”

next