Hanno tentato di uccidere due persone a colpi di pistola. È avvenuto a Reggio Calabria il 10 marzo 2012 quando i pregiudicati Antonino Pricoco e Gioele Carmelo Mangiola hanno sparato numerosi colpi di pistola contro Filippo Nocera e Francesco Barreca. Un filmato ha incastrato i due killer che stamattina all’alba sono stati arrestati dalla squadra mobile di Reggio, guidata da Gennaro Semeraro. Le telecamere del negozio di ortofrutta, gestito dalle vittime, hanno consentito alla Polizia di ricostruire la dinamica del duplice tentato omicidio scaturito a causa di un debito di 3mila euro che una delle vittime avrebbe dovuto pagare all’arrestato Pricoco per l’acquisto di una moto. Il giorno prima i due finiti in manette avevano aggredito con pugni e calci il fratello di Filippo Nocera che, in risposta, si è presentato sotto l’abitazione di Pricoco e ha inveito minacciosamente contro i familiari di Pricoco. Uno sgarbo che i due arrestati hanno inteso vendicare con le armi. A bordo di una moto e con il volto coperto dai caschi, infatti, si sono presentati al negozio di ortofrutta e hanno tentato di uccidere Nocera e Barreca  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, anziano sfonda il vetro di una banca con il Suv. Una vittima, 5 feriti

prev
Articolo Successivo

Il Papa contro i pedofili nella Chiesa: “Nei seminari sì ai peccatori, non ai corrotti”

next