“Non siamo qui per Vannoni, ma per una cura compassionevole applicata agli ospedali pubblici eccellenti come gli Spedali Civili di Brescia“. Così i genitori pro stamina hanno difeso a spada tratta la terapia con cui i loro figli vengono curati da qualche anno, durante una conferenza indetta a Roma, all’hotel Nazionale, a due passi da Montecitorio. “I nostri figli – affermano i genitori – non hanno speranze di vita, sono ammalati cronici. Però sia noi genitori che i medici che li hanno in cura riscontrano dei cambiamenti, dei miglioramenti dopo le infusioni”. Portano le prove: cartelle cliniche e video caricati su youtube. Davide Vannoni, presidente di Stamina Foundation, alla fine non è presente. “Ha capito che la sua presenza avrebbe occultato le nostre ragioni, voleva dare spazio ai pazienti”, dicono i partecipanti. In sala anche Marcello Villanova, neurologo all’ospedale Nigrisoli di Bologna. “Io parlo per quello che vedo”, afferma il medico. “Bambini ammalati di Sla che – dice Villanova – migliorano visibilmente. Non entro nel merito delle indagini della Procura di Torino o sul problema del protocollo. Io vorrei dialogare con il ministro Lorenzin e tutta la comunità scientifica, senza preconcetti e con rigore. E’ una novità che va discussa”. Durante la conferenza partono anche insulti ai giornalisti, complici secondo i genitori di una cattiva informazione sul tema e di dare spazio alle tesi di un comitato scientifico bocciato dal Tar del Lazio  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valanga in Valle d’Aosta, due sciatori morti. In Valtellina grave 33enne

next
Articolo Successivo

Ong vs Difesa: “Vuole bimbi africani sulla Cavour per nascondere fini commerciali”

next