Inizia oggi il processo Fonsai. È affollata l’aula tre del Palagiustizia di Torino dove si apre il processo a Salvatore Ligresti e a tre ex manager della società assicurativa, Fausto Marchionni, Emanuele Erbetta e Antonio Talarico. Giulia e Jonella Ligresti sono fuori dal giudizio; la prima ha già patteggiato la pena, la seconda lo ha chiesto e ha ottenuto il parere favorevole della Procura. Paolo Ligresti, cittadino svizzero, è latitante. Per lui i pm hanno chiesto il processo. La maxi aula tre è affollata da centinaia di persone, perché sono oltre mille i piccoli risparmiatori che intendono costituirsi parte civile. Tra le richieste di costituzione anche Mediobanca, Unicredit e la stessa Fonsai.

Eppure proprio a Milano la procura indaga sul pressing esercitato da Mediobanca sull’Isvap in vista della fusione della società assicurativa con Unipol e nel registro degli indagati è iscritto per ostacolo all’organo di vigilanza l’ad Alberto Nagel.

I pm Vittorio Nessi e Marco Gianoglio contestano agli imputati il falso in bilancio e la manipolazione del mercato. L’ex patron di Fonsai non è presente in aula e neanche Erbetta, mentre Marchionni e Talarico sono seduti vicino ai propri avvocati davanti al collegio presieduto Giorgio Gianetti. Anzitutto si procederà alle richieste di costituzione di parte civile, protagonisti piccoli risparmiatori e associazioni  dei consumatori. Per i quattro imputati è stato disposto il giudizio immediato, saltando cioè l’udienza preliminare.

Per Paolo Ligresti e altri otto appunto si sta seguendo l’iter ordinario. Si discuterà il prossimo 19 dicembre la proposta di patteggiamento a 3 anni e 4 mesi avanzata da Jonella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti Saipem in Algeria, “Due incontri tra Scaroni e l’intermediario”

next
Articolo Successivo

Mediaset vs Google per i video su Youtube. Decide un giudice amico di Cesare Previti

next