Sulla scena e nella vita. L’attore Paul Walker, 40 anni, tra i protagonisti di “Fast&Furious” con Vin Diesel, è morto in un incidente d’auto in California. L’annuncio è arrivato su Facebook dal suo portavoce. Nella saga sulle corse clandestine di auto interpretava Brian O’Connor, agente infiltrato nel mondo delle gare. Era passeggero a bordo di Porsche Carrera guidata da un amico che si è schiantata ed ha preso fuoco.

“Dobbiamo purtroppo confermare che Paul Walker è morto in un tragico incidente d’auto mentre partecipava ad un evento di beneficenza per l’organizzazione Reach Out Worldwide”, ha scritto su Fb il portavoce dell’attore, confermando che Walker “era a bordo della macchina di un amico ed entrambi sono rimasti uccisi” e che tutti coloro che conoscevano il giovane attore sono “stupiti e rattristati dalla notizia”.

L’attore si trovava a Santa Clarita per una mostra d’auto di beneficenza a favore dei sopravvissuti del tifone Haiyan nelle Filippine. Nel 2010, dopo il terremoto di Haiti, Walker aveva fondato un’organizzazione benefica per aiutare le vittime di disastri naturali. 

Dai primi accertamenti la dinamica dell’incidente sembra suggerire che il conducente della Porsche abbia perso il controllo della vettura che è uscita di strada e si è schiantata contro un albero. Dal dipartimento della contea di Los Angeles riferiscono che potrebbe essere stata la velocità eccessiva la causa dell’incidente.

“Tutti noi abbiamo il cuore spezzato – scrive la Universal Pictures, la casa di produzione dell’attore, in una dichiarazione ufficiale – Paul è stato uno dei membri più amati e rispettati della nostra famiglia per 14 anni e questa perdita è devastante per noi, per tutti quelli che hanno lavorato a ‘Fast&Furious’ e per tutti i fan’. L’attore stava girando il settimo capitolo della serie cinematografica.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Emilia, riparte il cinema del centro storico: ‘Salvato dagli spettatori’

next
Articolo Successivo

In Danimarca la ‘prima’ di von Trier: Nymphomaniac esordisce il giorno di Natale

next