Anni di disastri ambientali e mala-politica ci hanno portato in questo stato di cose. Dal 26 avevamo promesso che tutto doveva cambiare e così è stato. Basta delegare e soffrire in silenzio. Basta aspettare. E’ giunta l’ora di metterci in rete bypassando il circuito ufficiale, quello tradizionale.

I cittadini non si fidano più degli organismi di tutela. Chi riceve finanziamenti pubblici è in conflitto di interessi e non può garantire la terzietà rispetto alla trasparenza e alle dovute garanzie di qualità e tutela.

Dobbiamo sperare, ma la speranza fine a se stessa è un inganno. Sperare come semplice esercizio di retorica diventa un’illusione. Sperare, rimboccandoci le maniche e dandoci da fare[…]. Questo ci dà la vera speranza. L’agroalimentare campano deve risorgere senza aspettare alcun aiuto governativo, politico o istituzionale. Per cui non ci resta che darci da fare e ricostruire una rete onesta e trasparente. 

Ognuno deve poter vendere e mangiare senza alcuna paura!
We have a dream
 

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Rifiuti tossici, “tombati anche in Salento” Mappe confermano le parole del pentito

prev
Articolo Successivo

Renzi e la politica dei rifiuti: è questo il nuovo che avanza?

next