Un antichissimo meteorite marziano caduto nel deserto del Sahara racconta la nascita e la formazione di Marte e aiuta a ricostruirne le origini. Il meteorite, che ha 4,4 miliardi di anni, rivela, per esempio, che la crosta di Marte si è formata nei primi 100 milioni di anni della sua storia. La scoperta, pubblicata su Nature, si deve al gruppo coordinato da Munir Humayun, dell’università della Florida. I ricercatori ritengono che ulteriori studi su questa roccia potranno aiutare a capire se su Marte in passato vi siano state le condizioni per la vita.

Chiamato NWA 7533, il meteorite è un campione della crosta più antica di Marte e arriva dell’Altipiano meridionale del pianeta: un’area costellata di crateri da impatto che, come osserva Humayun, si pensa custodisca i segreti della nascita di Marte e della sua prima infanzia.

A indicare il luogo d’origine del frammento sono le alte concentrazioni di metalli, come l’iridio, un elemento che indica un precedente bombardamento meteoritico. Il meteorite è infatti una regolite (un materiale simile a quello lunare), ossia lo strato superficiale del pianeta che viene polverizzato e fuso dagli impatti e poi si solidifica una volta raffreddato. Gli zirconi presenti nel meteorite, formati dalla fusione e solidificazione della giovanissima crosta di Marte, hanno invece permesso di calcolare che la roccia si è formata 4,4 miliardi anni fa. L’età di questi cristalli è molto simile a quella degli zirconi terrestri e lunari, di conseguenza potrebbero essersi formati nello stesso periodo, su Terra, Luna e Marte.

Per i ricercatori queste scoperte sono solo un assaggio perché il meteorite potrebbe rivelarsi una miniera di informazioni. Ad esempio, secondo i ricercatori la formazione precoce della crosta marziana fornisce indizi sul rilascio di sostanze volatili, come i composti contenenti ossigeno, con implicazioni per il clima che Marte aveva quando era giovane e per la possibilità che potesse ospitare la vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cellule staminali, creati in laboratori mini reni in 3D. Utili per testare farmaci

next
Articolo Successivo

Allarme polio: i conti non tornano. I medici scrivono all’Oms

next