Le vacanze del Celeste non finiscono mai. Tra il 2009 e il 2013 l’ex governatore lombardo e attuale senatore del Pdl, Roberto Formigoni, sarebbe andato per undici volte in vacanza assieme all’ex consigliere regionale Massimo Gianluca Guarischi, finito in carcere lo scorso marzo perché ritenuto il collettore di un giro di presunte tangenti versate da alcuni imprenditori nel settore sanitario. A raccontarlo in aula, durante l’udienza del processo a carico di Guarischi e di un altro imputato dalla testimonianza, un investigatore della Direzione investigativa antimafia che ha condotto le indagini.

L’investigatore, rispondendo alle domande del pm di Milano Claudio Gittardi davanti ai giudici della IV sezione penale, ha ricostruito quelle vacanze sulla base di alcune informative depositate agli atti del dibattimento, fornendo anche dettagli sui pagamenti alle agenzie viaggi e ad alcune compagnie per voli privati ed elicotteri. Dalle carte, infatti, era già emerso che Guarischi avrebbe speso circa 65 mila euro in jet ed elicotteri per portare in vacanza Formigoni (indagato per corruzione e turbativa d’asta in uno stralcio dell’inchiesta ancora aperto) ed altri amici. 

In particolare, l’investigatore haparlato di sette viaggi per i quali l’ex consigliere (è ancora in carcere) avrebbe pagato, anche tramite una sua società, i voli: si passa dai 14mila euro per un “aereo privato” Milano-Spalato nel giugno 2009, ai seimila euro per il noleggio di un elicottero per St. Moritz nel dicembre 2011. Poi ancora un elicottero per ottomila euro nel marzo 2011 per andare in Valtellina e un jet privato da 7.500 euro per la Sardegna nell’ottobre 2009.

Sempre con aerei privati in Sardegna nell’estate 2010 e due volte nel 2011, tra aprile e settembre: costi che vanno dagli 8.580 euro fino a 11.880 euro. Inoltre, il testimone ha ricostruito altri quattro viaggi, tra cui uno in Sudafrica nel capodanno 2012 “dal costo di 55.500 euro” a cui avrebbero partecipato l’ex governatore, Guarischi ed altre persone e per il quale, però, risulta anche un “assegno firmato da Formigoni” per 7.340 euro. Poi una vacanza in Oman nel marzo 2013 costata oltre 22mila euro, per la quale è stato individuato un bonifico “ordinato da Formigoni” da 5.740 euro. Tra agosto e settembre 2012, inoltre, un soggiorno in Croazia: per il pagamento dei voli ci sono anche ricevute intestate al Celeste. Al momento non si sa, invece, chi avrebbe pagato il jet privato che il 3 settembre 2012 ha permesso a Formigoni di andare da Spalato a Milano (e poi tornare in giornata in Croazia) per partecipare ai funerali del Cardinale Martini.

L’investigatore ha citato anche una telefonata intercettata già emersa nella quale l’ex presidente del Pirellone chiedeva di poter posticipare la chiusura dell’aeroporto croato per riuscire a rientrare da Milano dopo i funerali. Infine, una vacanza sempre in Croazia nel giugno 2012 senza però riscontri sui pagamenti. 

Uno degli arrestati, un imprenditore, agli inquirenti durante la fase delle indagini, aveva affermato che Guarischi gli chiese di comprare un regalo per l’allora presidente lombardo. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amianto, indagati De Benedetti e Passera per i morti alla Olivetti

prev
Articolo Successivo

India: caso Montis, la forza di una madre contro il silenzio

next