Ancora segno negativo per il mercato italiano dell’auto. A ottobre, le immatricolazioni nel nostro Paese hanno registrato una flessione pari al 5,58% su base annua. In particolare, sono state vendute 110mila nuove vetture, 7mila in meno rispetto a un anno fa. Sono volumi mensili di poco superiori a quelli di ottobre 1977 (93mila unità). Lo comunica il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. A settembre le vendite di automobili avevano registrato un calo del -2,9 per cento. Da inizio 2013, le immatricolazioni hanno segnato una flessione dell’8,02 per cento. Si tratta del 26esimo mese consecutivo di contrazione per il mercato italiano.

Si verifica un calo, anche se meno accentuato, nel mercato dell’usato. A ottobre 2013, sono stati registrati quasi 400mila trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di -2,27% rispetto ad ottobre 2012, durante il quale ne furono registrati 407mila. Si inverte quindi la tendenza rispetto a settembre, quando la variazione su base annua era stata pari al +6,47 per cento. Il volume globale delle vendite (508.613 autovetture) interessa in misura nettamente maggiore le auto usate (78,21%) rispetto a quelle nuove (21,79%).

Alla tendenza al ribasso non fa eccezione il gruppo Fiat: le vendite registrano un calo dell’8,7 per cento. Il Lingotto, nel dettaglio, a ottobre ha immatricolato 31.100 nuove vetture contro le 34.100 dell’anno scorso. A settembre le vendite del Lingotto erano scese dell’11,71%. Nei primi dieci mesi del 2013, il gruppo torinese ha venduto il 10,3% di vetture in meno dello stesso periodo del 2012. E se il gruppo di Torino perde terreno, sono le aziende automobilistiche estere ad avanzare in Italia. Il numero di immatricolazioni di nuove vetture Renault sfiora il 50% in più rispetto a un anno fa, con 6.300 veicoli venduti contro i 4.300 del 2012. A seguire, Mazda (+39%) e Skoda (+35%), che però non superano il migliaio di immatricolazioni. La quota di mercato del Lingotto è invece in calo di circa un punto percentuale in un anno, attestandosi al 28,12%, anche se registra un lieve progresso rispetto al 27,48% di settembre. Anche nei primi dieci mesi del 2013, si contrae la fetta di mercato del gruppo Fiat: si attesta al 28,88% contro il 29,61% dello stesso periodo del 2012.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bmw richiama 176mila auto in tutto il mondo per problemi all’impianto frenante

prev
Articolo Successivo

Eicma 2013, al via il salone delle moto. Forte presenza cinese alla fiera di Rho

next