Aggiornamento del 6/11 ore 19.44
In seguito all’intervista che il nostro cantante, Daniele “Dan” Sanzone, ha realizzato a Diego Cugia, autore del personaggio, Jack Folla, all’interno del programma, Brain Food (prodotto dal sito www.fanpage.it), in cui Cugia ha attaccato il direttore di radio 2, Flavio Mucciante, riportiamo di seguito la replica dello stesso direttorela controreplica dell’autore. (A67)

Ve lo ricordate a Giacomo “JackFolla (uno dei personaggi radiofonici italiani più famosi)? 

Il mitico dj condannato a morte negli Stati Uniti d’America, al quale viene concesso di trasmettere, dal braccio della morte, su una radio italiana, Radio Rai2, “la musica della sua vita”, dal rock più puro alla musica italiana d’autore. Bene Jack Folla è tornato o meglio vorrebbe tornare, ma la sua voce fa ancora paura.

A raccontarlo, a “Brain Food“, è il suo autore, Diego Cugia: “Sono ingovernabile, ecco perché sono fuori dalla Rai”. Nonostante Jack Folla sia ancora richiestissimo non c’è una sola radio disposta a trasmetterlo. Nell’intervista, Diego Cugia, spiega d’aver presentato un progetto, “Jack Folla, fine pena mai”, al direttore di Radio Rai2, Flavio Mucciante che inizialmente si era mostrato disponibile. In seguito a migliaia di mail arrivate sul sito Rai, che gli chiedevano il ritorno di Jack Folla, sembra che il direttore si sia disturbato e abbia lasciato il progetto nel cassetto. E’ la solita storia di un’azienda, la Rai, che bloccata dalla politica è capace di andare contro i propri interessi in modo scandaloso.

Diego CugiaAh dimenticavamo è uscito il nuovo libro, Tango alla fine del mondo, di Diego Cugia.

Un feuilleton ricco di intrighi e colpi di scena: Accattatavillo !!!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agcom: dal copyright a Telecom, i nodi del futuro commissario

prev
Articolo Successivo

Datagate: gli Usa ci spiano per proteggerci. Da chi?

next