Cambiare il Paese di residenza e continuare a esercitare la propria professione. Entro due anni sarà possibile in tutta l’Unione Europea, grazie a una direttiva approvata mercoledì 9 ottobre dall’Europarlamento riunito in seduta plenaria. Strasburgo ha dato il via libera a una “carta europea” che permetterà a chi vuole trasferirsi ad esercitare in un altro Stato di compiere tutte le procedure di riconoscimento e abilitazione nel Paese di origine.

Il provvedimento, deliberato a larga maggioranza (596 sì, 37 no, 31 astenuti), dovrà ricevere l’approvazione formale da parte del Consiglio Ue. Il passo successivo sarà la pubblicazione della direttiva in Gazzetta Ufficiale, dopodiché gli Stati membri avranno due anni di tempo per recepirla nelle legislazioni nazionali. La carta si applicherà in primis a medici, infermieri, ostetriche, farmacisti, dentisti, veterinari e architetti, cioè le professioni già regolamentate in tutti i Paesi dell’Unione, ma potrà essere estesa a tutte le altre.

Secondo la relatrice parlamentare, la socialista francese Bernadette Vergnaud, la carta “può essere un importante simbolo ed un vero strumento di cittadinanza europea” e può consentire di far superare l’ostacolo linguistico, particolarmente sensibile ad esempio in Belgio, dove attualmente “ad una infermiera olandese viene impedito di lavorare nelle Fiandre perché non in grado di parlare francese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enti pubblici siciliani, l’esercito dei precari: sono quasi 25mila, solo 1400 under 40

next
Articolo Successivo

Dopo “Choosy” e “sfigati”, ora gli italiani (secondo i ministri) sono “poco occupabili”

next