Cambiare il Paese di residenza e continuare a esercitare la propria professione. Entro due anni sarà possibile in tutta l’Unione Europea, grazie a una direttiva approvata mercoledì 9 ottobre dall’Europarlamento riunito in seduta plenaria. Strasburgo ha dato il via libera a una “carta europea” che permetterà a chi vuole trasferirsi ad esercitare in un altro Stato di compiere tutte le procedure di riconoscimento e abilitazione nel Paese di origine.

Il provvedimento, deliberato a larga maggioranza (596 sì, 37 no, 31 astenuti), dovrà ricevere l’approvazione formale da parte del Consiglio Ue. Il passo successivo sarà la pubblicazione della direttiva in Gazzetta Ufficiale, dopodiché gli Stati membri avranno due anni di tempo per recepirla nelle legislazioni nazionali. La carta si applicherà in primis a medici, infermieri, ostetriche, farmacisti, dentisti, veterinari e architetti, cioè le professioni già regolamentate in tutti i Paesi dell’Unione, ma potrà essere estesa a tutte le altre.

Secondo la relatrice parlamentare, la socialista francese Bernadette Vergnaud, la carta “può essere un importante simbolo ed un vero strumento di cittadinanza europea” e può consentire di far superare l’ostacolo linguistico, particolarmente sensibile ad esempio in Belgio, dove attualmente “ad una infermiera olandese viene impedito di lavorare nelle Fiandre perché non in grado di parlare francese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Enti pubblici siciliani, l’esercito dei precari: sono quasi 25mila, solo 1400 under 40

prev
Articolo Successivo

Dopo “Choosy” e “sfigati”, ora gli italiani (secondo i ministri) sono “poco occupabili”

next