E’ l’unica sede politica nella quale in questi giorni si discuterà di come realizzare riforme laiche in Italia.  Eppure, sono ancora poche le prenotazioni per il Congresso dell’Associazione Luca Coscioni, che si terrà al Palazzo dei Congressi di Orvieto sabato 28 e domenica 29 settembre. 

Alcuni si sono rassegnati. Alcuni danno per scontato che ci saranno altri, e che qualche presenza in più non faccia la differenza. Alcuni sono stufi di sentirsi dire “sempre le stesse cose”, e sottovalutano così l’urgenza del fare, di battersi anche sui nuovi fronti aperti (uno su tutti: la legalizzazione dell’eutanasia). Altri ancora vorrebbero esserci con tutto il cuore, ma sono delle malattie e disabilità gravi a impedire loro una trasferta difficile.

Io posso solo augurarmi che ciascuno si fermi un attimo a pensare come siamo messi in Italia in materia di libertà civili, e come potremmo diventare se solo si ascoltasse ciò che chiede la gente. Sarebbe una rivoluzione laica, in nome della quale spero che qualcuno riuscirà a rivoluzionare anche i propri programmi del finesettimana. Ci vediamo a Orvieto, per chi potrà e per chi vorrà. (il programma è su www.associazionelucacoscioni.it)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regno Unito, divieto di fumo per i carcerati. “Mancato rispetto dei diritti umani”

prev
Articolo Successivo

Diritti umani, Amnesty: “In Parlamento restano vizi e tabù passati”

next