Air France – Klm ha convocato per lunedì 23 settembre un consiglio di amministrazione per decidere sul dossier della partecipata Alitalia a caccia di capitali. Nel corso della riunione il cda del gruppo franco-olandese potrebbe decidere le prossime mosse sul gruppo italiano. “Alitalia è una questione rilevante per Air France – Klm che è azionista del gruppo con il 25% – ha detto una fonte all’Adn Kronos -. Se Alitalia esprime una necessità, quindi, il gruppo franco-olandese non può non reagire, posizionarsi rispetto a quello che succede in Alitalia”.

Tuttavia, le difficoltà che sta affrontando Air France potrebbero avere conseguenze anche su una eventuale decisione del consiglio. “Certamente la situazione dei conti di Air France può avere delle ripercussioni” sulla decisione da prendere per Alitalia. Intanto, il gruppo franco-olandese si trincera dietro ad un diplomatico no comment: “non facciamo alcun commento”, ha spiegato un portavoce del gruppo.

L’eventuale offerta sulle azioni della compagnia italiana, su cui vige il veto di vendita (tecnicamente lock-up) fino al 28 ottobre, richiederebbe l’approvazione dei soci italiani. Air France possiede già il 25% di Alitalia, acquistato nel 2009 per 323 milioni di euro. Il cda di Altialia si riunirà il prossimo 26 settembre. All’ordine del giorno, secondo Bloomberg, potrebbe esserci anche un piano per un aumento di capitale.

Considerate le difficoltà economiche dei francesi, prende però sempre più corpo l’ipotesi di un possibile coinvolgimento della compagnia di Abu Dhabi Etihad, che ha già degli accordi con Air France e Alitalia e punta a crescere in Europa dove ha acquisito quote in Air Berlin e Aer Lingus. A difendere la cosiddetta strategicità di Alitalia proverà il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi incontrando il 26 a Parigi il suo omologo, Frederic Cuvillier. Il quale si è però affrettato a precisare che il dossier Alitalia non è “il tema principale” dell’incontro, un appuntamento previsto da molto tempo, per la preparazione del vertice franco-italiano di novembre, “in cui saranno trattati numerosi soggetti trasfrontalieri relativi ai trasporti”. Se però l’argomento Alitalia “sarà citato – ha detto Cuvillier – ovviamente se ne parlerà”.

Intanto l’Enac ha lanciato l’allarme sullo stato di salute delle compagnie italiane: “Nonostante il recupero di Meridiana e in parte di Alitalia, la situazione delle compagnie aeree italiane è ancora difficile”, ha detto il commissario straordinario Vito Riggio, spiegando che “alcune piccole società nell’ultimo anno hanno avuto grossi problemi e molte di queste hanno addirittura chiuso”. Un allarme condiviso dai sindacati, che proprio per chiedere “la convocazione per la ripresa del tavolo istituzionale per l’emergenza del trasporto aereo italiano”, hanno annunciato l’apertura di una vertenza nazionale del settore e la mobilitazione generale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aumento Iva, Federconsumatori: “Costerà alle famiglie 207 euro in più all’anno”

next
Articolo Successivo

Moody’s declassa il rating di Finmeccanica: ora è a livello “spazzatura”

next