Peter Gabriel ha avuto un’idea favolosa per diffondere l’idea della collaborazione amorevole.

Un’idea geniale, grandiosa, nel 2010 Peter Gabriel lanciò l’album Scratch My Back, in cui cantò le canzoni che più ama: pezzi dei Talking Heads, Lou Reed, David Bowie e altre stelle della musica ma anche di cantanti meno famosi; da qui il titolo, “Grattami la schiena”. E ci regalò una versione tuta sua di questi brani, arrangiati con grande cura e potenza armonica. In questo modo fece un grande regalo a questi suoi colleghi.

Operazione intelligente e generosa che però diventò manifesto dell’economia solidale grazie alla genialità del titolo che sintetizza in modo straordinario la filosofia del dono reciproco e della collaborazione: desidero che tu mi gratti la schiena e te lo chiedo grattandoti la tua.

I musicisti che hanno ricevuto questo dono notevole si sono talmente entusiasmati che si sono riuniti e hanno inciso ognuno una canzone di Gabriel, riarrangiandola. L’album uscirà a fine settembre e s’intitola: And I’ll Scratch Yours (E io gratto la tua). E visto che l’album raggiungerà come il precedente milioni di persone suppongo che molti coglieranno la bellezza del messaggio intrinseco. E sono convinto che sia questo tipo di flash mob quel che serve per far girare questo modo di pensare. Grazie Gabriel.

E visto che sono convinto che uno dei problemi più ingombranti per il movimento progressista e solidale sia la difficoltà a cooperare tra gruppi diversi abbiamo pensato di lanciare, nel nostro piccolo, un’operazione, “Grattami la schiena”, iniziando a regalare alle associazioni solidali una serie di servizi proponendo una ventata di dono circolare.

Abbiamo già rilanciato i siti www.networketico.it e www.stradaalternativa.it che offrono visibilità “gratta” e un sistema di scambio banner.

Ora proponiamo corsi gratuiti della durata di 2 giorni (compresa l’ospitalità ad Alcatraz) studiati apposta per associazioni e cooperative sociali:
1-    Come formulare domande all’Unione Europea (direttamente a Bruxelles, fondi che l’Italia perde regolarmente perché non ci sono domande), 24-25 e 26 settembre.
2-    Come gestire una campagna legale per la difesa del territorio, data da definire.
3-    Come gestire la comunicazione (web, video, cartaceo), 8/10 novembre.
Se sei interessato scrivi a info@alcatraz.it per avere maggiori informazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola, ai professori innamorati dei loro allievi

next
Articolo Successivo

Chefchauen, addio al Marocco

next