Comizio dei no euro tedeschi finisce a coltellate e lancio di gas urticanti. È accaduto a Brema dove sabato 24 agosto si stava svolgendo uno degli appuntamenti elettorali del partito anti moneta unica Alternativa della Germania. Il suo leader, l’ex numero uno di Confindustria tedesca Bernd Lucke, aveva appena iniziato il suo intervento quando un commando di ultrasinistra ha attaccato il palco con pugnali e bombolette di gas. Lucke è finito a terra spintonato, un simpatizzante di AfD è stato accoltellato tra il panico generale. Mentre quindici in tutto sono i feriti accecati dal gas, e colpiti da disturbi respiratori. Sette uomini con il volto coperto probabilmente riconducibili ad un movimento autonomo di iper-rivoluzionari, fa sapere il partito, hanno preso d’assalto il palco prima di fuggire dopo l’intervento della polizia, che ne ha arrestati tre. Dopo una lunga pausa il comizio è ripreso sotto la massiccia protezione della polizia. Indignato Bernd Lucke: “Un’intollerabile interferenza come quelle nella Repubblica di Weimar, quando si disturbavano manifestazioni pacifiche”.

Alternativa per la Germania è nei fatti l’unica reale novità di queste noiose elezioni teutoniche, dal momento che la Cdu di Angela Merkel è data al 40%, mentre i socialisti della Spd sono fermi al 25% e non dovrebbero rappresentare un vero ostacolo per la cancelliera uscente. Accreditato dal 2% al 6% il movimento ideato da Lucke, nel suo board annovera economisti, industriali e docenti universitari e in cima al suo programma ha l’uscita dall’euro. Hanno dato appuntamento alla stampa a Berlino per spiegare analiticamente come sia stato folle l’intero piano di salvataggio della Grecia e dell’euro. Contestano la politica dei “maxi prestiti” avallata dal duo Merkel-Schaeuble che ha “curato” la voragine finanziaria ellenica con altri prestiti che non risolvono a monte il problema. Nei giorni scorsi a Stoccarda hanno promosso un simposio economico con i “parigrado” anti euro della Grecia, il movimento dei pentastellati di “DRACMH” guidati dall’economista Theodoros Katsanevas che si ispira ai grillini italiani.

Lucke ha anche presentato una petizione al Bundestag per fermare i pagamenti alla Grecia e per la divulgazione delle alternative al salvataggio del Paese sic et simpliciter con altri denari. La soluzione? L’uscita della Grecia e dei cosiddetti paesi “Pigs” (Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna) dalla moneta unica.

[email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Germania, l’asse Berlino-Atene delle tangenti: due inchieste per corruzione

prev
Articolo Successivo

UE: il problema è un altro… Risposte ai lettori

next